COMUNE LENDINARA (ROVIGO) L’associazione Faedesfa di Fratta Polesine dirotta i fondi raccolti con le uova ad un altro giardino della città, lasciando in sospeso l’idea dei giochi inclusivi 

Troppa burocrazia per parco San Francesco, la Onlus destina i fondi ad un’altra area verde

Musikè fondazione cariparo 730x90

Fondi che saranno sempre destinati a favore dei bambini, ma in un’area verde diversa da quella di via San Francesco a Lendinara dove doveva sorgere un parco giochi inclusivo con le attrazioni comprate grazie a parte del ricavato della campagna delle uova pasquali “Faedesfa per un bambino 2016” della Onlus di Fratta Polesine. Questa scelta dell’associazione arriva poiché la situazione burocratica per l’avvio del parco giochi non si è sbloccata e sono mancate decisioni concrete sul progetto 



Lendinara (Ro) - Faedesfa Onlus di Fratta Polesine cambia destinazione alla donazione da effettuare al Comune di Lendinara. La quota, parte del ricavato della campagna delle uova pasquali “Faedesfa per un bambino 2016”, era stata destinata già a fine dello scorso anno dalla banda benefica delle magliette verdi per contribuire all’acquisto giochi inclusivi destinati all’area verde di via San Francesco. 

Questi giochi speciali, definiti inclusivi perché i bambini con disabilità fisiche o sensoriali o con problemi di movimento possono giocare e divertirsi in sicurezza insieme a tutti gli altri, avrebbero dovuto essere installati dal Comune con il contributo di Faedesfa Onlus, nell’area gioco lendinarese di via San Francesco. 

Considerando l’allungamento delle tempistiche per la riqualificazione dello stesso parco, il presidente di Faedesfa, Andrea Pezzuolo, assieme al direttivo ha deciso di dirottare altrove la donazione, che verrà impiegata per affrontare la spesa di altre attrezzature nel territorio lendinarese sempre a favore dei bambini. Con un progetto ad immediata realizzazione. 

“Abbiamo dato la nostra parola e non vogliamo deludere chi crede nei nostri obiettivi benefici, men che meno i cittadini di Lendinara - spiega Andrea Pezzuolo - ma Faedesfa, per etica e trasparenza che da sempre la contraddistingue, non può aspettare molto per compiere un gesto che è solo che positivo per una comunità”. Da Faedesfa era partita l’elaborazione di un progetto concreto e all’avanguardia per il San Francesco. Progetto che ha ottenuto il plauso dell’attuale amministrazione nei suoi componenti sia di maggioranza che minoranza. La situazione burocratica non si è però sbloccata e il perdurare dell’assenza di decisioni concrete ha spinto Faedesfa, suo malgrado, ad adottare la decisione di investire diversamente il contributo. Comunicazione già ufficializzata e di cui ha preso atto l’amministrazione Viaro. 

“Ora stiamo valutando in quale altra zona di Lendinara destinare tale somma, perché vogliamo continuare ad alimentare i sorrisi dei più piccoli che sono il nostro futuro” conclude il numero uno della Onlus Frattense. Faedesfa Onlus nel terzo settore dal 2011 opera a favore del sostegno dei bambini e delle persone in difficoltà in tutta Italia. La quota a destinazione benefica rimarrà perciò nella cittadina la cui storia si intreccia con il Risorgimento, ma cambiando meta. 

Prosegue intanto a gonfie vele la macchina delle donazioni di Faedesfa con il ricavato della campagna delle uova pasquali 2017. Donazioni che verranno effettuate dalla Onlus di Fratta Polesine nei prossimi giorni alle scuole polesane e ad alcune strutture ospedaliere. Prosegue anche la solidarietà per Amatrice. 

19 maggio 2017
Bancadria 468x60




Correlati:

Cooking Chef Academy 730x90