IL PROGETTO A ROVIGO Da venerdì 26 maggio cinque punti strategici del centro città saranno presidiati dai volontari di Fiab, associazione degli Amici della bici

I ciclisti si contano, per contare finalmente qualcosa

Bancadria 730x90 Cna Rovigo

Contare i ciclisti per restituire una immagine chiara della mobilità rodigina e mettere gli amministratori comunali in grado di prendere le decisioni del caso per tutelare chi si adopera con mezzi di spostamento sostenibili. Questa la finalità del progetto che sta per partire in città



Rovigo - Contaciclisti è un’operazione di monitoraggio sistematico sull’uso delle biciclette in ambito urbano organizzato dall’Associazione Fiab Amici della bicicletta di Rovigo per contare letteralmente i passaggi di ciclisti in città allo scopo di avere una dimensione numerica del volume di traffico urbano. Lo spiega la nota dell'associazione, che dà conto della nuova edizione del progetto.

"Avviata nel 2016 - spiega la nota - l’azione viene ripetuta a cadenza regolare per raccogliere dati utili da confrontare tra i vari tratti monitorati  nei diversi periodi dell’anno. La prima 'conta' del 2017 è stata fatta il 31 marzo, la seconda comincerà venerdì 26 maggio prossimo, per concludersi venerdì 22 settembre  durante la Settimana Europea della Mobilità che viene realizzata, a livello europeo, ogni anno tra le date del 16 e del 22 settembre".

Di conseguenza, venerdì 26 maggio dalle 17.30 alle ore 19  volontari Fiab Rovigo, riconoscibili dal giubbetto giallo retroriflettente, presidieranno cinque diversi punti di accesso al centro storico nei pressi degli incroci viale Trieste/viale Mazzini; viale Trieste/viale Silvestri; via Sacro Cuore/via dei Cappuccini e piazza della Repubblica e Largo della Libertà. Programma dell’associazione è monitorare scientificamente i medesimi luoghi di  passaggio in bicicletta ai vari varchi in momenti e luoghi costanti.

Gli stessi volontari Fiab saranno,  inoltre, a disposizione  per dare informazioni utili sulla ciclabilità cittadina. A questo proposito l'associazione ricorda in atto l’operazione di censimento di tutte le piste ciclabili della città (www.rovigoinbici.org) per segnalare le criticità e le soluzioni da adottare in osservanza al codice della strada in funzione della sicurezza e per renderle veramente fruibili al cittadino in bici, adulto e bambino. 

Il Contaciclisti, nell’intento degli organizzatori, ha il fine di stilare una statistica sulla mobilità con criteri di continuità e, inoltre,  intende  rappresentare una fonte  per misurare l’andamento della ciclabilità. Andamento che si auspica possa essere utile per un dialogo con gli amministratori avendo quale obiettivo l’incentivo alla mobilità sostenibile e il miglioramento della ciclabilità urbana in tema di collegamenti di percorsi ciclabili e di sicurezza.

L'iniziativa Contaciclisti, supportata dai dati, ha lo scopo di portare alla luce che Rovigo, data anche la sua limitata estensione, è una cittadina adatta al traffico ciclistico che va pertanto incoraggiato e tutelato. I dati raccolti nel precedente appuntamento (31 marzo 2017) sono eloquenti: in un'ora e mezza di rilevazione sono stati censite quasi duemila biciclette entranti e uscenti dal centro, per la precisione 1.015 in entrata e 918 in uscita. In particolare il punto in Largo Libertà 290 in entrata e 213 in uscita, seguito da Piazza della Repubblica con 183 in entrata e ben 240 in uscita. Nelle due postazioni lungo viale Trieste l'una all'incrocio con via Mazzini e l'altra con Via Silvestri sono stati contati, rispettivamente, nel primo 154 passaggi in entrata e 117 in uscita e nel secondo 174 entrate e 193 uscite. Infine alla rotatoria tra via Sacro Cuore e via Badaloni ben 214 in entrata e 155 in uscita. Elementi che dimostrano un buona circolazione ciclistica che purtroppo in tutti i punti rilevati deve affrontare diverse difficoltà: dai sensi unici (come in via Mazzini e via Badaloni) alle ciclabili interrotte o poco chiare (come in viale Trieste o in via Silvestri o ancora in via Badaloni).

23 maggio 2017




Correlati:

  • “Inquinamento e Pm10: servono misure vere”

    AMBIENTE E SALUTE ROVIGO Attacco del consigliere Pd Giorgia Businaro, che chiede conto all’amministrazione comunale della pessima qualità dell’aria in città

  • Nuovo incontro a caccia della verità

    AMBIENTE E SALUTE VILLADOSE (ROVIGO) Il Comitato Terre Nostre invita un esperto, venerdì 15 dicembre alle 21, per affrontare il “mistero” della puzza che affligge anche Pezzoli e Gavello

  • "Inquinamento tre volte sopra il limite"

    AMBIENTE ROVIGO Il consigliere comunale Antonio Rossini chiede a sindaco e giunta di intervenite sulla problematica delle polveri sottili, già più volte sollevata dagli abitanti delle frazioni di Borsea e San Sisto

  • Lotta ai piccioni: "Non date loro da mangiare"

    AMBIENTE E SALUTE BADIA POLESINE (ROVIGO) Il Comune rivolge un invito in questo senso a tutti i cittadini, per rendere più salubre il centro ed evitare le nidificazioni

  • Finalmente si saprà la verità sulla puzza

    COMUNE CEREGNANO (ROVIGO) Lunedì 4 dicembre alle ore 21 nella sala Circolo parrocchiale Noi di Pezzoli si terrà un secondo incontro con i cittadini sul tema delle emissioni maleodoranti nella frazione 

  • Il "caso polli" approda in consiglio

    AMBIENTE ED ECONOMIA PORTO TOLLE (ROVIGO) All'ordine del giorno del consiglio comunale di martedì 5 dicembre

  • In due settimane, 1400 chilometri in bici

    FIAB ROVIGO Nuovo appuntamento de "La Bici raccontata". Ospiti i Ciclomonones, che hanno fatto il giro d'Europa in sella

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe