MUSICA E CULTURA ROVIGO La rassegna parte mercoledì 7 giugno alle 21, al Tempi della Rotonda. Gli appuntamenti successivi toccheranno anche Lendinara e Badia Polesine

Su il sipario su Musiké

Fondazione Cariparo Nuove Generazioni
Alessandro Quarta dirigerà l'ensemble barocco Concerto Romano al tempio della Rotonda di Rovigo. E' di nuovo tempo di Musiké, la rassegna musicale divenuta ormai una piacevole consuetudine in Polesine. Il primo appuntamento si terrà mercoledì 7 giugno alle 21

Rovigo - Mercoledì 7 giugno alle 21 il Tempio della Beata Vergine del Soccorso (La Rotonda) di Rovigo ospiterà il primo appuntamento nel rodigino di Musikè, la rassegna itinerante promossa e organizzata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo.  Concerto Romano, ensemble barocco guidato da Alessandro Quarta, accompagnerà il pubblico in un’ideale passeggiata notturna nella Roma di Caravaggio. Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria sul sito www.rassegnamusike.it.

"Nella prima metà del Seicento - spiega la presentazione della Rassegna - la Roma post-tridentina offre un panorama musicale che è naturale emanazione della pittura e della scultura. O sono forse le arti figurative a trarre ispirazione dalla musica? Non è possibile stabilirlo, ma è certo che in questo periodo, in cui Roma è all’avanguardia nella produzione artistica, tutte le arti si intersecano, si citano, si rispecchiano".

"È da un’indagine su questo straordinario connubio tra musica e arti figurative che nasce Mea nox. Viaggio musicale nella Roma di Caravaggio, titolo del concerto-spettacolo che l’ensemble barocco Concerto Romano diretto da Alessandro Quarta porterà mercoledì 7 giugno alle 21 al Tempio della Beata Vergine del Soccorso (La Rotonda) di Rovigo. Dopo i tre appuntamenti a Padova, il concerto del 7 giugno sarà il primo appuntamento a Rovigo di Musikè, la rassegna itinerante promossa e organizzata dalla Fondazione Cassa di risparmio di Padova e Rovigo". 

Il programma del concerto, con la guida all’ascolto di Alessandro Quarta e le musiche di Frescobaldi, Falconieri, Kapsberger, Anerio, Vitali, Bottegari, Graziani, si propone di seguire Caravaggio in diversi luoghi di Roma, ma intende anche cogliere gli aspetti che Caravaggio con la sua pittura ha alimentato in chi è venuto dopo di lui. 

Musikè tornerà in Polesine venerdì 20 ottobre al teatro Ballarin di Lendinara, dove andrà in scena La solitudine del premio Nobel la sera prima della cerimonia, divertimento teatrale di Massimiano Bucchi, affidato alla voce e alla presenza scenica di Laura Curino
Venerdì 3 novembre al teatro Balzan di Badia Polesine il giovane ma già popolarissimo attore Giorgio Pasotti, insieme al trio composto da Patrizia Bettotti al violino, Giampiero Sobrino al clarinetto e Andrea Dindo al pianoforte, proporrà i giochi di parole esilaranti e spericolati degli Esercizi di stile di Raymond Queneau col commento musicale dei grandi autori del Novecento francese, da Poulenc a Milhaud, da Fauré a Ravel. 

Il teatro Sociale di Rovigo, infine, ospiterà martedì 28 novembre l’appuntamento conclusivo di Musikè, che vedrà salire sul palco un attore che ha fatto la storia del teatro italiano: Ugo Pagliai. Insieme al Quartetto Prometeo, già vincitore del concorso internazionale di Praga, Pagliai porterà in scena Lettera a mio padre, da Lettera al padre di Franz Kafka. La musica farà da contrappunto alla lettura del testo con il Quartetto n. 2 del grande compositore boemo Leoš Janáček, conterraneo e contemporaneo di Kafka: un quartetto che il compositore stesso intitolò Lettere intime. Un gran finale di stagione che crea un suggestivo collegamento con la mostra Le secessioni europee. Monaco, Vienna, Praga, Roma, in programma a Palazzo Roverella da settembre 2017 a gennaio 2018.

25 maggio 2017
Tecnostore Occhiobello 468x60




Correlati:

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017