FURTO VILLADOSE (ROVIGO) Peggiora costantemente la situazione al camposanto cittadino, dopo che nei giorni precedenti un lavandino era stato addirittura smurato e portato via

I ladri smontano la tomba e si prendono il marmo

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe

Nei giorni scorsi aveva suscitato un discreto scalpore la vicenda del furto addirittura di un lavandino dal cimitero di Villadose (LEGGI ARTICOLO). Ora si apprende che sarebbe stato rubata anche parte di una tomba, nel senso che i ladri si sarebbero letteralmente portati via una lastra di marmo



Villadose (Ro) - Che siano veri furti, o atti di vandalismo, sono indegni, perché feriscono chi ha un proprio caro che riposa al cimitero. Detto questo, va precisato che è assolutamente inutile inveire contro l'amministrazione comunale, dal momento che non è per nulla facile impedire che si verifichino episodi del genere, soprattutto in un periodo nel quale l'organico delle forze dell'ordine è ridotto all'osso.

Non solo: non è per nulla scontato che sia possibile sistemare telecamere di videosorveglianza, da tempo invocate dalla cittadinanza, in luoghi che, come i cimiteri, sono classificati come "di culto" e nei quali la privacy gode di tutela rafforzata. Sono questi gli ingredienti di un fenomeno che sta suscitando allarme e rabbia crescente a Villadose, dove si è partiti da piccoli furti sulle tombe, per poi degenerare decisamente, nelle ultime settimane.

Nei giorni scorsi si è appreso che il lavandino del camposanto era stato portato via, tutto, dopo essere stato smurato. Era rimasto solo il rubinetto, senza nulla, al di sotto, che potesse raccogliere l'acqua. Ora, la segnalazione di un genitore che ha visto la tomba nella quale riposa la figlia in parte smontata, nel senso che è stata portata via una lastra di marmo.

30 maggio 2017
Bancadria 468x60




Correlati:

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017