ANIMALI VILLADOSE (ROVIGO) Associazioni ambientaliste e privati presentano il ricorso al Tar contro il Comune per il via libera all'impianto. Li guida un veterano della battaglie "verdi", l'avvocato Matteo Ceruti

Adesso è ufficiale: si va in causa sui visoni

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe

Alla fine, come era parso inevitabile, si andrà di fronte ai giudici del Tar, Tribunale amministrativo regionale, di Venezia, per valutare la legittimità dell'apertura, a Villadose (LEGGI ARTICOLO), di un allevamento di visoni da qualcosa come 13mila capi, di Massimiliano Filippi, referente di Federfauna, l'associazione di categoria degli allevatori, che aveva parlato delle proprie idee, oltre che dello stabilimento di Villadose, di fronte alle telecamere di Quinta Colonna (LEGGI ARTICOLO), suscitando reazioni piuttosto indignate



Villadose (Ro) - Ci sono due associazioni ambientaliste - Essere Animali e Lav, Lega anti vivisezione - ma anche alcuni privati. Sono i firmatari del ricorso al Tar, Tribunale amministrativo regionale, di Venezia, che chiede l'annullamento degli atti col quale il Comune di Villadose ha dato il nulla osta all'apertura dell'allevamento di visoni. Ne nascerà una battaglia, in termini di diritto amministrativo, di livello assoluto. L'avvocato dei ricorrenti, infatti, è Matteo Ceruti di Rovigo, esperto di tematiche ambientali, presenza fissa nei maggiori processi ambientali degli ultimi anni, non solo in Polesine ma in tutta Italia. Il Comune di Villadose, invece, ha scelto di tutelarsi con lo studio legale Domenichelli e associati, una vera e propria istituzione per il diritto amministrativo.

Due le questioni principali alla base del ricorso: in primo luogo, la valutazione, secondo il ricorso non impeccabile, da parte del Comune, dell'impatto che la struttura potrebbe avere, in termini non solo di odori, ma anche di gestione dei rifiuti organici, letame soprattutto, prodotto dalle migliaia di animali presenti. Ma non finisce qui, dal momento che il ricorso lamenta anche il fatto che, nel valutare la fattibilità dell'allevamento, sarebbero stati impiegati criteri che hanno una logica nel caso di fondi agricoli collegati all'allevamento di erbivori, ma non ne hanno nessuno nel caso di specie, dove si parla di animali carnivori.

Da parte sua, l'amministrazione comunale ha deciso di tutelarsi nel procedimento, dando mandato allo studio Domenichelli di seguire il contenzioso, impegnando per ora una somma di 7800 euro.

12 giugno 2017
Bancadria 468x60




Correlati:

  • Il degrado che indigna i cittadini 

    RIFIUTI VILLADOSE (ROVIGO) In via Verdi si continuano a gettare immondizie lungo il ciglio della strada 

  • Basta un temporale e crollano gli alberi

    MALTEMPO VILLADOSE (ROVIGO) Strada regionale bloccata da un albero crollato sulla sede stradale. Prudenza per tutti coloro che sono per strada in questo momento

  • Ladri in ditta, bottino pesante

    FURTO OCCHIOBELLO E VILLADOSE (ROVIGO) In un caso i malviventi hanno rubato addirittura un'auto, riempiendola poi di arnesi da lavoro. Sugli episodi indagano i carabinieri

  • Tanti amici fedeli in cerca di casa

    LEGA DEL CANE RIFUGIO CIPA ROVIGO Le proposte di adozione della settimana: servono alcuni incontri per fare conoscenza, poi potrete andare a casa assieme

  • “Amianto a fuoco: noi lo avevamo detto”

    INCENDIO VILLADOSE (ROVIGO) Arriva l’attacco dei Centopercentoanimalisti dopo l’incendio avvenuto nel pomeriggio di venerdì 21 luglio ai danni di una stalla, adibita a deposito di fienile, che fa parte dell’allevamento di visoni

  • Tante iniziative anche dopo l'orario di scuola

    ISTITUTO COMPRENSIVO VILLADOSE (ROVIGO) Per le scuole di San Martino, Gavello, Ceregnano e Villadose sono arrivati 30mila euro da fondi europei per realizzare moduli didattici in orario extra-scuola 

  • Sospetti di dolo sull’incendio nel fienile

    IL CASO A VILLADOSE (ROVIGO) Il titolare dell’allevamento di visoni, che comunque non ha riportato danni pesanti, non esclude che possa essere stato un atto voluto. Ci sarebbe un episodio simile, due settimane fa, a Scorzé, in provincia di Treviso

Musikè fondazione cariparo 730x90