ENSEMBLE CHITARRISTICO PROVINCIALE ROVIGO Concerto di fine anno che emoziona: alunni e professori delle medie ad indirizzo musicale di Rovigo, Porto Viro e Villadose nella chiesa del Cristo

Lo strumento che suonato assieme apre il cuore 

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe

L’ensemble chitarristico provinciale, costituito dagli studenti di chitarra dei corsi ad indirizzo musicale delle scuole medie di Porto Viro, Villadose e Rovigo, ha dato vita ad un concerto pieno di emozioni, frutto del lavoro di un anno scolastico. Ben 18 i brani eseguiti dai giovanissimi musicisti della provincia



Rovigo - “Chi educa alla musica prepara un artista ad affrontare il pubblico. Chi educa con la musica prepara un uomo ad affrontare la vita”. Così si legge sul programma di sala del concerto dell’ensemble chitarristico della provincia di Rovigo, che si è esibito, nell’atmosfera intima della chiesa del Cristo, per presentare lo spettacolo conclusivo dell'attività dell'anno scolastico 2016/17.

L’ensemble è costituito dagli studenti di chitarra dei corsi ad indirizzo musicale delle scuole medie di Porto Viro, Villadose e Rovigo e lo spettacolo è stato il frutto di un lavoro che ha visto i ragazzi ed i loro docenti impegnati a suonare assieme per molti pomeriggi delle giornate di sabato di questo anno scolastico, alternandosi nelle varie città sedi degli istituti comprensivi di riferimento.

Una serata per assaporare le sonorità e i timbri della chitarra, uno strumento “discreto” nell’ambito dell’orchestra, che nel contesto dell’ensemble ha fatto apprezzare le mille sfumature della sua voce, dai virtuosismi dello Studio in La di Giuliani o del Preludio 1 di Villa-Lobos, al ritmo coinvolgente della Tarantella, dagli accenni pop di Wake me up when september ends  alla giocosità di The lion sleeps tonight e ai toni nostalgici de Marchinha de Carnaval di Machado, per citare solo alcuni dei diciotto brani eseguiti dai giovani musicisti. 

Alcuni tra i musicisti sono “veterani” di quindici anni, che nonostante abbiano terminato le medie, continuano a far parte dell’ensemble, altri hanno iniziato solo da uno o due anni a suonare, c’è anche chi alle medie deve ancora arrivare come il giovanissimo Toffanello che ha incantato tutti suonando con la bravura di un professionista e la gioia di un bambino che gioca. C’è posto per tutti nell’ensemble, un microcosmo, a cui ciascuno sente di appartenere e a cui contribuisce con le sue peculiarità individuali, una “società” in cui si esercita l’ascolto e il rispetto. Merito dei loro docenti, Annamaria Baldo, Maria Silvia Massimi e Simone Vidali, valido professionisti ma anche capaci educatori, in grado di coinvolgere i ragazzi facendoli sentire contemporaneamente unici e parte di “qualcosa” di più grande per cui vale la pena spendersi.

15 giugno 2017
Bancadria 468x60




Correlati:

Seren automobili a Rosolina mare