SERVIZI ROVIGO La Regione del Veneto in prima fila per incentivare gli affidi dei minori che la magistratura minorile ha tolto alle famiglie d'origine per problematiche di vario tipo

Un sostegno per chi accoglie un minore

Seren automobili affiliazione fino a luglio 2017

Un assegno mensile di 500 euro, prelevato da un fondo superiore ai 5 milioni. Questa la misura con la quale la Regione del Veneto intende sostenere quelle famiglie che prendano un minore in affido


Rovigo - Prosegue il programma di sostegno della Regione Veneto alle famiglie che accolgono un minore in affido. La Giunta regionale, su proposta dell’assessore al Sociale, ha destinato oltre 5 milioni di euro del Fondo per le politiche sociali a contributi per le famiglie affidatarie. Nel dettaglio, la somma stanziata ammonta a  5.100.908 euro, che vengono assegnati a Comuni e Ulss per contribuire, con un assegno sino a 500 euro al mese (pari alla minima Inps), alle spese sostenute nell’esercizio pregresso dai nuclei familiari affidatari.

In Veneto si registrano 1265 i minori in situazione di disagio allontanati dalle loro famiglie d’origine e affidati, su istanza dei servizi sociali o con provvedimenti della magistratura minorile, a famiglie selezionate che li accolgono temporaneamente.

“L’affido rappresenta una alternativa alla comunità – commenta l’assessore al Sociale – che la Regione Veneto intende sostenere, in quanto aiuta i bambini e ai ragazzi a rimanere in un contesto familiare ed è esperienza di solidarietà tra famiglie. Certo, non è una scelta semplice e facilmente replicabile, soprattutto in tempi di crisi economica e di fragilità delle reti familiari. Intendo promuovere, a breve, una ricognizione a 360 gradi sull’esperienza delle comunità per minori e sui vari servizi di protezione destinati ai minori, compreso l’affido, per verificarne efficacia e sostenibilità”.

La misura economica del contributo mensile rappresenta una forma sostegno pubblico alle famiglie affidatarie, che potrà aiutare a dare continuità alle esperienze familiari già in atto o in cantiere. L’affido è una delle forme di sostegno della genitorialità e di prevenzione dell’istituzionalizzazione: il Veneto, da quest’anno, aderisce al progetto nazionale Pippi (programma di interventi per la prevenzione dell’istituzionalizzazione) che mira a ridurre – attraverso interventi educativi, servizi, reti sociali e famiglie di appoggio ai genitori più vulnerabili - i rischi di allontanamento del bambino o del ragazzo dal nucleo di origine e a facilitare i processi di riunificazione familiare. 

 

 

15 giugno 2017
Bancadria 468x60




Correlati:

  • Due maxi eventi in programma

    SPORT ROVIGO Presentazione ufficiale della nuova sede dell’Acsi nel salotto buono di Palazzo Nodari. Il referente provinciale sarà Taira Nicoletto

  • Carabiniere si spara e si uccide in caserma

    TRAGEDIA NELL’ARMA Il 47enne, di Castelmassa, si sarebbe tolto la vita poco prima dell’ora di pranzo a Ponso, nel Padovano. Indagini in corso, ma non ci sarebbero dubbi sul suicidio

  • Fumo sul Corso, paura per i negozianti

    FIAMME IN CENTRO ROVIGO Intervento in forze di vigili del fuoco e polizia locale per un principio d’incendio nelle bocche di lupo sul magazzino di un negozio

  • Ancora belle soddisfazioni

    EQUITAZIONE ROVIGO A Cervia (Ravenna) finale in crescendo per Laura Millimaggi che conclude il weekend al primo posto nella C125

  • "L'unico successo del sindaco: 350mila euro per i migranti"

    CULTURA, SPORT E SOCIALE ROVIGO Nadia Romeo, capogruppo Pd ,accusa il primo cittadino Massimo Bergamin di un ennesimo fallimento in tutti i settori della sua amministrazione

  • Il sogno della Fondazione non ė finito

    CULTURA ROVIGO L’assessore Andrea Donzelli interviene sulle dimissioni del presidente Giampiero Beltotto: “La Fondazione non è morta, presto faremo nuove nomine”

  • Fino all'ultimo voto, è Siviero bis

    ELEZIONI TAGLIO DI PO (ROVIGO) Secondo mandato per il sindaco Francesco Siviero sostenuto dal Pd. Avanti nel segno della continuità

Musikè fondazione cariparo 730x90