SERVIZI ROVIGO La Regione del Veneto in prima fila per incentivare gli affidi dei minori che la magistratura minorile ha tolto alle famiglie d'origine per problematiche di vario tipo

Un sostegno per chi accoglie un minore

Seren automobili a Rosolina mare

Un assegno mensile di 500 euro, prelevato da un fondo superiore ai 5 milioni. Questa la misura con la quale la Regione del Veneto intende sostenere quelle famiglie che prendano un minore in affido


Rovigo - Prosegue il programma di sostegno della Regione Veneto alle famiglie che accolgono un minore in affido. La Giunta regionale, su proposta dell’assessore al Sociale, ha destinato oltre 5 milioni di euro del Fondo per le politiche sociali a contributi per le famiglie affidatarie. Nel dettaglio, la somma stanziata ammonta a  5.100.908 euro, che vengono assegnati a Comuni e Ulss per contribuire, con un assegno sino a 500 euro al mese (pari alla minima Inps), alle spese sostenute nell’esercizio pregresso dai nuclei familiari affidatari.

In Veneto si registrano 1265 i minori in situazione di disagio allontanati dalle loro famiglie d’origine e affidati, su istanza dei servizi sociali o con provvedimenti della magistratura minorile, a famiglie selezionate che li accolgono temporaneamente.

“L’affido rappresenta una alternativa alla comunità – commenta l’assessore al Sociale – che la Regione Veneto intende sostenere, in quanto aiuta i bambini e ai ragazzi a rimanere in un contesto familiare ed è esperienza di solidarietà tra famiglie. Certo, non è una scelta semplice e facilmente replicabile, soprattutto in tempi di crisi economica e di fragilità delle reti familiari. Intendo promuovere, a breve, una ricognizione a 360 gradi sull’esperienza delle comunità per minori e sui vari servizi di protezione destinati ai minori, compreso l’affido, per verificarne efficacia e sostenibilità”.

La misura economica del contributo mensile rappresenta una forma sostegno pubblico alle famiglie affidatarie, che potrà aiutare a dare continuità alle esperienze familiari già in atto o in cantiere. L’affido è una delle forme di sostegno della genitorialità e di prevenzione dell’istituzionalizzazione: il Veneto, da quest’anno, aderisce al progetto nazionale Pippi (programma di interventi per la prevenzione dell’istituzionalizzazione) che mira a ridurre – attraverso interventi educativi, servizi, reti sociali e famiglie di appoggio ai genitori più vulnerabili - i rischi di allontanamento del bambino o del ragazzo dal nucleo di origine e a facilitare i processi di riunificazione familiare. 

 

 

15 giugno 2017
Bancadria 468x60




Correlati:

  • Jimmy Ghione pilota Suzuki alla Swift Cup Europe 

    MOTORI ADRIA (ROVIGO) Ci sarà anche il volto storico di Striscia la Notizia, ma in veste di attore in pista. Teatro l’International Raceway sabato 29 luglio

  • Il vento sposta l’insegna, intervento in centro

    MALTEMPO ROVIGO Intervento dei Vigili del fuoco per mettere in sicurezza un cantiere in via Sacro Cuore

  • Amidei a Bergamin: "Basta bugie"

    POLITICA ROVIGO Il senatore di Forza Italia, commissario provinciale del partito fa il punto sull'operato del sindaco della Lega Nord del capoluogo: Nulla di fatto, solo arroganza

  • Podio nel K2

    CANOA Gruppo canoe polesine impegnato a San Giorgio di Nogaro sabato 22 e domenica 23 luglio. Terzo posto per la coppia  Giulia Munerato - Giorgia Taddei

  • La CorriXRovigo si riprende il centro storico

    ​​​​​​​PODISMO ROVIGO Giovedì 20 luglio suggestiva partenza dalla Piazzetta Annonaria per contribuire al progetto di riqualificazione avviato dall’associazione Tumbo. Due ristori contro il grande caldo

  • Il fisio dei rugbisti ci ha preso gusto: promosso

    BILIARDO ROVIGO Yarno Celeghin, noto ai più per essere il fisioterapista della FemiCz Rovigo vice campione d’Italia, e per lunghi anni al servizio della Nazionale italiana, si è classificato terzo al campionato regionale di “Stecca” passando in Seconda ca

  • Lavori finiti, transenne via e blocco finito

    LAVORI PUBBLICI ROVIGO Finalmente, dopo 20 giorni esatti, riapre il ponte di via Amendola, per la gioia di residenti ed attività rimaste a lungo bloccate dai cantieri

Musikè fondazione cariparo 730x90