SERVIZI ADRIA (ROVIGO) L’ex vicepresidente della Provincia Guglielmo Brusco prevede un futuro molto fosco per il settore pubblico e per l’ospedale cittadino

“Con la Lega nella sanità guadagnano solo i privati”

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017
La Lega Nord di Adria era intervenuta in difesa dell’operato dell’azienda sanitaria Ulss 5 Polesana e del suo direttore generale Antonio Compostella, fornendo dati rassicuranti (LEGGI ARTICOLO). Peccato che, secondo Guglielmo Brusco, le cose non stiano proprio così…

Adria (Ro) - “Ma non si sente a disagio Giovanni Battista Zennaro, della Lega Nord adriese,  nel difendere in modo strumentale e sorretto solo da alcuni particolari apparentemente positivi,  quello che di gravissimo i suoi amici di partito hanno programmato per il futuro dell’ospedale  pubblico bassopolesano?”. Se lo domanda Guglielmo Brusco, ex vicepresidente della Provincia di Rovigo, esponente di Rifondazione Comunista, esperto di sanità e sociale.

“Ma lo sa questo rappresentante politico della Lega Nord che i veri ‘paroni’ della nostra salute, anche di quella dei bassopolesani, sono i suoi amici di Venezia, che con il lavoro esecutivo del vicentino Compostella e del polesano Contato, stanno facendo molto male agli ospedali pubblici polesani?”.

“Con la speranza di non parlare al vento, al Segretario  della Lega Nord di Adria voglio ricordare che: solo nel 1995, poco più di 20 anni fa, l’ospedale di Adria aveva ben 318 posti letto. Alcuni tagli operati da Forza Italia e alleati, a partire dal 2002, li portarono a 217 e ora,  grazie proprio alle ultime schede ospedaliere regionali volute in primis dai leghisti,  la previsione è di tagliarne altri 39 ed averne solo 179! Quasi la metà del 1995! Il tutto mentre nelle altre province, la Lega Nord, tagli in proporzione  così pesanti come quelli previsti in Polesine, non ne ha fattoi Il Sud del Veneto è la zona peggio trattata  dai Leghisti del Nord!”.

“Se Zennaro si informasse un po’ meglio, saprebbe poi che, a differenza dell’ospedale pubblico di Adria che lui a parole dice di voler difendere, a Porto Viro, nell’ospedale privato di quel Comune, è addirittura previsto un aumento di posti letto per acuti convenzionati.  E lo sa che dal 2005 al 2015 l’Ulss 19 ha avuto in totale deficit per circa 58 milioni di euro, mentre grazie anche alle scelte regionali la Casa di Cura privata di Porto Viro ha invece avuto quasi 17 milioni di utili? Sarebbe stato possibile questo utile molto rilevante, se la Regione Veneto leghista non avesse fatto convenzioni con i privati di Porto Viro? Ed è sbagliato pensare che quegli utili sono in parte derivati anche da un certo, discutibile uso del denaro pubblico, voluto anche dalla Lega Nord?”.

“E quando parla dei posti Letto di  comunità (che potrebbero essere gestiti anche in qualche Casa di Riposo e che dopo il primo mese sono a pagamento), la Lega dovrebbe vergognarsi dei ritardi con cui questi arrivano ad Adria. Se c’è un ritardo, questo è dovuto all’incapacità dei leghisti di realizzare quanto da loro stessi previsto.  Allegata al Decreto del dottor Pietro Girardi n. 128 del 10.03.2014, c’è infatti una scheda prevista dalla Giunta Regionale del Veneto, in cui i 24 posti letto di Comunità ad Adria,  a proposito di non sostituzione, dovevano già essere attivati  insieme alla diminuzione dei posti letto ospedalieri”.

“Per quanto la Lega Nord del Veneto settentrionale (insieme purtroppo anche al polesano Corazzari) stia investendo  in figure umane,  voglio ricordare a Zennaro quanto dichiarato dal suo collega leghista, il dottor Antonio Compostella, direttore generale dell’Ulss 5 Polesana, nell’ultima verifica del personale della pianta organica (vedi Decreto 234/2017). Al 31.12.2016, nell’Ulss unificata polesana, mancavano 436 operatori (- 13%)”.

“Gli unici che invece hanno avuto aumenti di posti letto e stanziamenti, sono stati complessivamente,  le Cliniche e i Centri Medici privati del Polesine. Ecco chi non si dovrebbe lamentare della politica della Lega Nord. I lavoratori della sanità pubblica e i cittadini, dovrebbero invece porsi seriamente la seguente domanda: Ma la Lega, ci aiuta o ci frega?”.
18 giugno 2017
Tecnostore Occhiobello 468x60




Correlati:

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe