CENTRO ANTIVIOLENZA POLESANO (ROVIGO) L’associazione Ametiste comunica che non parteciperà più al bando per la gestione del centro: “È identico al precedente e noi siamo coerenti”

"Siamo coerenti e non parteciperemo al bando del Comune"

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe

Il Comune di Rovigo ha predisposto una manifestazione di interesse per invitare le associazioni interessate alla gestione del centro antiviolenza e della casa rifugio (LEGGI ARTICOLO) con l’obiettivo di riaprire un servizio importante per le donne di tutto il Polesine chiuso ormai da fine aprile, per la mancanza di fondi. Ma l’associazione che aveva gestito il centro, Ametiste e portato alla luce le mancanze dell’amministrazione, comunica che non parteciperà all’avviso del Comune, restando coerente a se stessa. “Restiamo comunque a disposizione delle donne e dei loro figli”



Rovigo – “Ametiste ha deciso di non partecipare alla manifestazione d’interesse indetta dal Comune di Rovigo per la gestione del Centro Antiviolenza e per questo saremo costrette a chiudere la pagina facebook ad esso associata. Il capitolato presente nell’avviso ricalcava esattamente i precedenti e noi abbiamo preferito la coerenza alla ricerca di consensi”. Sono le parole dell’associazione che comunica sulla sua pagina facebook a donne e amici, che non gestirà più il centro, non proverà neppure a partecipare. 

Il perché sta, come spiegato dalle Ametiste nell’addio sulla pagina facebook, semplicemente nella coerenza: avevano denunciato le mancanze dell’amministrazione e non torneranno ora a bussare alla porta del Comune. “Il centro è chiuso da quasi due mesi ma dopo il clamore del primo periodo, come sempre, l’interesse è scemato– continua l’associazione di promozione sociale – Abbiamo risposto come abbiamo potuto alle richieste d’aiuto che ci sono pervenute, sapendo benissimo che non era abbastanza. Ametiste resta a disposizione delle donne che avranno bisogno di sostegno e dei loro figli, certe che la prevenzione sia comunque l’obiettivo da perseguire. Grazie per averci sostenute fin qui”.

21 giugno 2017
Tecnostore Occhiobello 468x60




Correlati:

Fondazione Cariparo Nuove Generazioni