IL CASO A OCCHIOBELLO (ROVIGO) La risposta della Protezione civile e del Comune alle proteste di quanti criticavano la "Sagra del maiale"

Replica agli animalisti: "Con la sagra ci finanziamo"

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe
La serata conclusiva era stata oggetto delle aspre critiche degli animalisti, che contestavano la Sagra del Maiale, organizzata dalla Protezione civile (LEGGI ARTICOLO). Ed è proprio la protezione civile a rispondere alle critiche

Occhiobello (Ro) - “Credo sia stato travisato il senso di una sagra che oltre ad avere un valore di identità gastronomica per questo territorio, non si pone certo come ‘festa della crudeltà’, è un evento di paese al pari di tante altre sagre che valorizzano le tradizioni”. L’assessore alla Protezione civile Davide Diegoli risponde agli animalisti che hanno criticato la festa del maiale, un appuntamento con cui l’associazione ogni anno raccoglie fondi per autofinanziamento.

“La festa si svolge nella sede della Protezione civile che è sede del museo documentale del Po – aggiunge Diegoli - pertanto è un modo per avvicinare i cittadini a una realtà culturale che parla del nostro territorio verso il quale l’associazione è sempre in prima linea”. Le critiche degli animalisti si sono rivolte anche all’utilizzo del numero verde per la prenotazione alla sagra, su questo chiarisce il coordinatore del gruppo Marcello Antonioli: “Il numero non è solo per le emergenze, è un canale, pagato dal gruppo, per richiedere informazioni su viabilità o eventi meteorologici, ad esempio. Ma ci terrei a sottolineare che i costi fissi a cui ogni anno come volontari dobbiamo fare fronte, sono di 10mila euro e la sagra ci aiuta a finanziare la formazione dei volontari, l’acquisto attrezzature e, soprattutto, ci permette di intervenire nelle emergenze di carattere nazionale anticipando le spese”.

La Protezione civile locale, che può contare anche su finanziamenti dei Comuni di Occhiobello e Stienta, ha portato contributi significativi in termini di uomini e mezzi alle popolazioni del centro Italia colpite dal sisma nel 2016.
10 luglio 2017
Tecnostore Occhiobello 468x60




Correlati:

Musikè fondazione cariparo 730x90