STRADE ROVIGO Via Chiarugi bloccata, si passa solo sconfinando sul marciapiede, impraticabile via Cavalletto, problemi anche in viale Amendola, danni a un semaforo di viale Porta Po

Crollano i giganti, varie vie chiuse e conta dei danni

Fondazione Cariparo Nuove Generazioni

Per fortuna nessuno si è fatto male. Non era scontato, viste le dimensioni e il numero di alberi che sono crollati a terra, nel pieno del temporale che ha colpito Rovigo e il Polesine nel pomeriggio di martedì 11 luglio (LEGGI ARTICOLO). Un fenomeno, quello del crollo di alberi enormi, che pone seri interrogativi sulla manutenzione del verde che viene operata in città e in provincia



Rovigo - Nessuno si è fatto male. Stavolta. Ma se, a ogni temporale estivo - e non stiamo parlando di un tornado - crollano alberi giganteschi, non ci si può sempre e solo affidare al caso sperando che vada bene. Anche nel pomeriggio di martedì 11 luglio la questione, in Polesine e a Rovigo, è emersa in tutta la propria gravità.

Alberi crollati a Fratta Polesine e in Alto Polesine, ma anche nel capoluogo, dove si registrano strade con la circolazione interrotta o molto difficoltosa. A Granzette via Cavalletto è del tutto bloccata, per una pianta accasciatasi sulla strada. Discorso molto simile in via Chiarugi, dove un gigante verde è finito a terra, occupando tutta la sede stradale e consentendo il traffico solo invadendo la porzione di strada riservata ai pedoni. Operazione tra l'altro pericolosa, visto che la visibilità è resa nulla dall'ampia chioma e la scorciatoia viene usata dagli automobilisti in ambo i sensi di marcia.

Alberi caduti anche sulla ex statale per Lendinara, mentre in viale Porta Po i rami hanno provocato danni a un semaforo. Sono una quarantina gli interventi in coda, ossia ancora da gestire.

11 luglio 2017
Tecnostore Occhiobello 468x60




Correlati:

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017