PROFUGHI TAGLIO DI PO (ROVIGO) In tanti all'incontro organizzato da Layla Marangoni e dalla sua lista. Intervenuto anche il sindaco con la giunta al completo

L'offerta: "Lottiamo assieme contro i 50 arrivi"

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe
Martedì 18 luglio ci sarà l'incontro tra il Prefetto Enrico Caterino da una parte, il sindaco di Taglio di Po Francesco Siviero e la cittadinanza dall'altra (LEGGI ARTICOLO), per parlare dell'arrivo di un numero massimo di una cinquantina di profughi all'hotel Mancin, sulla Romea (LEGGI ARTICOLO). Intanto, sulla questione, è arrivata una grossa novità, ossia la risoluzione del contratto dal parte della proprietà, che ritiene inadempienti sotto alcuni aspetit gli "affittuari", ossia colo che avrebbe proposto la struttura per l'accoglienza (LEGGI ARTICOLO). Una questione della quale si è parlato anche domenica 16 luglio, all'incontro organizzato da Layla Marangoni e dalla sua lista (LEGGI ARTICOLO)

Taglio di Po (Ro) - Resta il timore degli arrivi, nonostante la proprietà dell'Hotel Mancin abbia risolto il contratto con gli "affittuari", ossia coloro che avrebbero proposto la struttura per l'accoglienza di sino a 50 richiedenti asilo. La circostanza è emersa con chiarezza all'incontro organizzato domenica 16 luglio da Layla Marangoni, capogruppo dell'opposizione in consiglio comunale, e dai suoi sostenitori. Presenti, tra gli altri, anche il parlamentare di Forza Italia Bartolomeo Amidei, senatore, l'assessore regionale Cristiano Corazzari, il segretario provinciale della Lega Nord Stefano Falconi. Presente anche il sindaco Francesco Siviero, con la giunta al completo.

Proprio all'amministrazione Marangoni ha domandato di lottare assieme contro i profughi, mentre sindaco e giunta sono apparsi più cauti, probabilmente in attesa dell'incontro pubblico di martedì 18 giugno in paese col Prefetto. Ovviamente si è parlato della sorpresa costituita dalla risoluzione del contratto di affitto dell'hotel, che secondo alcuni chiude la porta all'arrivo dei profughi. Meno ottimisti altri, secondo i quali la Prefettura potrebbe comunque tirare dritto.
16 luglio 2017
Bancadria 468x60




Correlati:

Fondazione Cariparo Nuove Generazioni