COMUNE ROVIGO Trascorso un anno dalla mozione relativa all’attuazione dei riciclatori incentivanti della lista Silvia Menon. Il consigliere Mattia Milan ora pone una interrogazione per capire che fine ha fatto

Differenziata col premio: non si sa che fine abbia fatto

Cooking Chef Academy 730x90

Il consigliere Mattia Milan ha depositato una interrogazione nella quale domanda se la dalla votazione della mozione relativa all’applicazione dei riciclatori incentivanti. In sostanza, un piccolo incentivo economico per i rifiuti avviati al riciclo il sindaco e la giunta si siano attivati per ottenere le informazioni e valutare l’operazione 



Rovigo - Proposta, trattata e votata a maggioranza in consiglio, ma non ancora attuata dopo un anno. E’ la mozione della lista Silvia Menon relativa all’applicazione dei riciclatori incentivanti la quale individuava un sistema di “Riduci, Ricicla, Ricompensa”, che predisponeva la possibilità di ricevere 1 centesimo direttamente sul proprio smartphone per ogni bottiglia o lattina avviata a riciclo o, in alterativa, ottenere buoni e sconti in cambio del rifiuto da riciclare. 

La mozione, votata e promossa a maggioranza dei voti (LEGGI ARTICOLO), impegnava Sindaco e Giunta a prendere contatto con l’amministrazione di Monselice per ottenere le informazioni necessarie, allo scopo di “promuovere anche nel nostro territorio la raccolta differenziata incentivante e a tal fine, posizionare in centro a Rovigo questo tipo di macchinari, che, oltre al valore ambientale e al vantaggio economico per chi li utilizza, potrebbero essere un piccolo motivo in più per scegliere gli esercizi commerciali del centro storico da parte dei cittadini”. 

A distanza di un anno la lista non ha ricevuto riposte, tanto che il consigliere Mattia Milan ha pensato di presentare una interrogazione per capire se sono stati presi contatti con l’amministrazione di Monselice per ottenere le informazioni necessarie come da premessa e se sono state valutate le circostanze del caso, contesto locale, termini economici e quant’altro, al fine di attivare il servizio nel territorio e rendere operativo un provvedimento di cui non ho più sentito notizia da più di un anno dalla sua presentazione e promozione. 

17 luglio 2017
rovigooggi.it informazione che non ti pesa 468x60




Correlati:

  • Regna l’inciviltà

    RIFIUTI ROVIGO Esiste un Ecocentro funzionante, ma i cittadini continuano a lasciare nei pressi dei bidoni qualsiasi cosa

  • Oltre 60 quintali di rifiuti raccolti

    AMBIENTE CASTELNOVO BARIANO Per il ventennale della consueta giornata di pulizia degli argini di primavera il team castelnovese raddoppia l’impegno e si sposta anche a Sermide. Partecipazione straordinaria dei bambini della locale scuola elementare

  • Ecoambiente rimette in funzione il trituratore di Sarzano

    GESTIONE RIFIUTI PROVINCIA DI ROVIGO Riparte l’impianto Tmb di triturazione dei rifiuti del comune capoluogo. Salgono a 37.000 le tonnellate di rifiuti speciali gestite tra discarica e cosiddetto separatore

  • [VIDEO] I netturbini in attesa dei bidoni carrellati: salute a rischio

    RACCOLTA RIFIUTI PORTA A PORTA (ROVIGO) Gli operatori di Ecoambiente pretendono il rispetto delle norme sulla sicurezza nel lavoro. Già fatte denunce allo Spisal ma l’azienda è sorda. Fiadel lancia l’sos al commissario Carmine Fruncillo almeno per Adria

  • Ancora una discarica a cielo aperto: "Sono veramente delusa"

    SEGNALAZIONI PORTO VIRO Il sindaco Maura Veronese lancia l'allarme sulla situazione di degrado in cui versa l’area di via Gorghi. Il Comune ha già provveduto a contattare il custode dell’area 

  • Allarme eternit sulle sponde del collettore

    DEGRADO ADRIA (ROVIGO) Segnalato un abbandono sull'argine del collettore padano polesano, in zona Chieppara, indignazione da parte dei cittadini

  • Sversamenti dei fanghi, si va a processo

    CASO COIMPO ADRIA (ROVIGO) La Direzione distrettuale antimafia di Venezia ottiene il giudizio immediato dopo gli arresti e le msure dello scorso dicembre, primo passaggio in aula a maggio

Beni Artistici Religiosi Fondazione Cariparo