COMUNE ROVIGO Trascorso un anno dalla mozione relativa all’attuazione dei riciclatori incentivanti della lista Silvia Menon. Il consigliere Mattia Milan ora pone una interrogazione per capire che fine ha fatto

Differenziata col premio: non si sa che fine abbia fatto

Musikè fondazione cariparo 730x90

Il consigliere Mattia Milan ha depositato una interrogazione nella quale domanda se la dalla votazione della mozione relativa all’applicazione dei riciclatori incentivanti. In sostanza, un piccolo incentivo economico per i rifiuti avviati al riciclo il sindaco e la giunta si siano attivati per ottenere le informazioni e valutare l’operazione 



Rovigo - Proposta, trattata e votata a maggioranza in consiglio, ma non ancora attuata dopo un anno. E’ la mozione della lista Silvia Menon relativa all’applicazione dei riciclatori incentivanti la quale individuava un sistema di “Riduci, Ricicla, Ricompensa”, che predisponeva la possibilità di ricevere 1 centesimo direttamente sul proprio smartphone per ogni bottiglia o lattina avviata a riciclo o, in alterativa, ottenere buoni e sconti in cambio del rifiuto da riciclare. 

La mozione, votata e promossa a maggioranza dei voti (LEGGI ARTICOLO), impegnava Sindaco e Giunta a prendere contatto con l’amministrazione di Monselice per ottenere le informazioni necessarie, allo scopo di “promuovere anche nel nostro territorio la raccolta differenziata incentivante e a tal fine, posizionare in centro a Rovigo questo tipo di macchinari, che, oltre al valore ambientale e al vantaggio economico per chi li utilizza, potrebbero essere un piccolo motivo in più per scegliere gli esercizi commerciali del centro storico da parte dei cittadini”. 

A distanza di un anno la lista non ha ricevuto riposte, tanto che il consigliere Mattia Milan ha pensato di presentare una interrogazione per capire se sono stati presi contatti con l’amministrazione di Monselice per ottenere le informazioni necessarie come da premessa e se sono state valutate le circostanze del caso, contesto locale, termini economici e quant’altro, al fine di attivare il servizio nel territorio e rendere operativo un provvedimento di cui non ho più sentito notizia da più di un anno dalla sua presentazione e promozione. 

17 luglio 2017
Bancadria 468x60




Correlati:

  • Nuovo scontro sindaco - assessore

    CASO COIMPO ADRIA (ROVIGO) Giorgia Furlanetto chiede il file audio del tavolo tecnico, ma non le viene concesso. Potrebbe rivolgersi all'anticorruzione

  • Rifiuti per strada, la possibilità c’è

    RACCOLTA RIFIUTI PROVINCIA DI ROVIGO Annunciato il blocco degli straordinari, e se continuerà il diniego del consigliere delegato Ivano Gibin a non sedersi ad un tavolo arriverà lo sciopero. Cgil: “La direzione di Ecoambiente falsa la realtà”

  • "Materassi nei cassonetti": assolto imprenditore

    IL CASO A ROVIGO La contestazione riguardava una presunta violazione al Codice dell'Ambiente, ma non ha retto al vaglio del dibattimento: è arrivata l'assoluzione

  • Il prossimo consiglio comunale? “A Ca’ Emo”

    CASO COIMPO ADRIA (ROVIGO) Richiesta di Impegno per il Bene Comune e SiamoAdria, che domandano anche di fare chiarezza su natura e pericolosità delle sostanze stoccate nell’impianto

  • Meno rifiuti del previsto, ma qualcuno deve portarli via

    CASO COIMPO ADRIA (ROVIGO) Colpo di scena: non sono 60mila tonnellate di fanghi, ma solo 10mila. Il sindaco: "Ora speriamo in un segnale forte del Prefetto alla ditta, perché dica cosa intende fare"

  • Ore di udienza per decidere sulla bonifica

    CASO COIMPO ADRIA (ROVIGO) Il verdetto del Tar atteso a ore, l'azienda vuole evitare di dovere ripulire l'area. Intanto i Cinque Stelle battono i pugni: "Anche noi al tavolo tecnico"

  • "Potenziale bomba ecologica": appello alla Regione

    CASO COIMPO ADRIA (ROVIGO) Sergio Berlato, consigliere regionale e responsabile veneto di Fratelli d'Italia, interviene sulla questione della bonifica dello stabilimento di Ca' Emo

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe