LA STORIA A ROVIGO Lunedì 24 luglio a Lendinara il 45° Gru presenterà una conferenza dal titolo “Fenomeni luminosi anomali in Polesine: una ricerca tecnico strumentale”

Mistero nel cielo. Sono Ufo? C'è chi studia da anni

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017

Da anni il 45°Gru - Gruppo ricerche Uap del Polesine studia fenomeni aerei luminosi che per la maggior parte vengono avvistati e monitorati con videocamere e onde radio su un'area compresa fra Badia Polesine-Lendinara-Lusia-Cavazzana-Saguedo. Il metodo di ricerca e analisi di questi affascinanti fenomeni sconosciuti verrà illustrato lunedì 24 luglio presso la biblioteca comunale Baccari di Lendinara



Rovigo - Da anni nei cieli del Polesine, avvengono strani fenomeni luminosi, con colorazioni strane e movimenti veloci, che lasciano a bocca aperta chi ne è testimone. Sono Ufo? Ci sono altre spiegazioni? C'è chi da tempo studia questi casi, cercando di dare una risposta.

Non si tratta di fantasia o finzione, ma di ricerche scientifiche che ormai vengono condotte da circa 17 anni da un gruppo di ricerca, il 45°Gru- Gruppo ricerche Uap (Unidentified aerial phenomena, ossia, dall'inglese, Fenomeni aerei sconosciuti) del Polesine, costituito da Jerry Ercolini, Rodolfo Ghinato e Crisna Pengo, tre radioamatori che da anni si interessano all'osservazione di questi fenomeni luminosi anomali in atmosfera. Lunedì 24 luglio alla biblioteca comunale Baccari di Lendinara, alle ore 21.30, il 45° Gru presenterà una conferenza dal titolo “Fenomeni luminosi anomali in polesine: una ricerca tecnico strumentale”, per spiegare il metodo di ricerca e analisi di questi affascinanti fenomeni sconosciuti.

Non si parla per forza di ufo, ovvero oggetti volanti non identificati, ma di fenomeni aerei luminosi che meritano uno studio tecnico scientifico per capire se si tratta di particolari forme energetiche o se eventualmente potrebbero celare nel loro interno anche possibili strutture solide. Lo studio viene eseguito con metodo e razionalità, ma con mente aperta anche al possibilismo.

Per lo studio di questi fenomeni, il gruppo si muove settimanalmente sul territorio polesano usando fuoristrada e strumentazione tecnico-scientifica, in modo tale da effettuare un monitoraggio continuo della bassa atmosfera; il gruppo è dotato anche di due piccole stazioni di osservazione con videocamere astronomiche che monitorano il cielo e con ricevitori radio per l'ascolto delle onde radio-natura Elf-Vlf. 

“Dopo anni di ricerca, questi fenomeni sembrano presentarsi con una certa ricorrenza su un'area compresa fra Badia Polesine-Lendinara-Lusia-Cavazzana-Saguedo a pochi gradi dal suolo - rilevano i tre del gruppo - Appaiono improvvisamente presentando colorazioni fra l'arancio e il rosso fucsia, spostandosi con strane e veloci evoluzioni; la luce emessa sembra essere contenuta in una specie di "bolla" che ne delinea una forma sferica. Potrebbe trattarsi di fenomeni di tipo plasmatico, ipotizzando così un'origine d'innesco dovuta a particolari condizioni naturali o in particolari condizioni di stress tettonico del suolo tali da dare origine a luci telluriche".

"In alcuni casi, a livello spettroscopico, sono state identificate forti tracce di ossigeno e in alcuni casi di idrogeno, con una forte marcatura dal rosso all'infrarosso”. 

Per studiare i Flap-fenomeni luminosi anomali del Polesine, il gruppo di ricerca utilizza la fotografia e riprese video, nel visibile, infrarosso, ultravioletto, mentre per tentare di capire la composizione chimico strutturale viene usata la spettroscopia; in contemporanea vengono monitorate le onde radio Elf-Ulf-Vlf con particolari ricevitori, per capire se si tratta di fenomeni artificiali conosciuti (riflessi, fari, luci di aeromobili, lanterne cinesi, droni), fenomeni naturali conosciuti (fulmini, meteore, bolidi) o se si tratta di un fenomeno anomalo sconosciuto. Periodicamente il 45° Gru collabora anche con il Gruppo astrofili polesani per eventuali incroci di dati e triangolazioni dei fenomeni astronomici del cielo. 

Questo metodo di ricerca a canale stretto, permette di filtrare molto le segnalazioni che arrivano dai testimoni di strani fenomeni, in modo tale da poter focalizzare l'attenzione su quei fenomeni che presentano caratteristiche strane.

 

19 luglio 2017
Tecnostore Occhiobello 468x60




Correlati:

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe