BASKET SERIE B ROVIGO Lo annuncia la presidente Maria Paola Galasso, la Rhodigium potrà contare su una giocatrice di grande esperienza 

Giulia Pegoraro giocherà con le rossobù

Giulia Pegoraro e la presidente Maria Paola Galasso
Bagno e Calore - Caminetti e Stufe

Un passaggio alla categoria superiore meritata per la Rhodigium, seconda in regular season, un terzo posto dopo le finali di playoff che hanno permesso alla compagine polesana di entrare in Serie B. Primo ‘colpo di mercato’ per il presidente Galasso che annuncia il ritorno in città di Giulia Pegoraro


Rovigo - A pochi giorni dal comunicato ufficiale della Fip Veneto che conferma l’iscrizione al campionato di serie B femminile della Rhodigium Basket, la società di basket di Rovigo, nata solo nel 2010, per volontà e determinazione di un gruppo di genitori, abbiamo parlato con il presidente Maria Paola Galasso. 

Questa promozione arriva a coronamento di una grande stagione ed a soli sette anni dalla nascita della società: è soddisfatta?

“La Rhodigium Basket è stata fondata nel 2010 allo scopo di rilanciare il Basket femminile a Rovigo e più in generale in Polesine per cui sono veramente contenta di essere riuscita grazie al lavoro dei dirigenti, la professionalità degli allenatori e l'impegno e l'entusiasmo delle atlete a raggiungere questo risultato. Abbiamo giocato un grande campionato classificandoci seconde nella stagione regolare e pur avendo perso la finale siamo comunque entrate di diritto come terze classificate in serie B”.

Con quale spirito la Rhodigium Basket inizia la nuova stagione sportiva?
“Iniziamo con grande entusiasmo e voglia di dimostrare le nostre capacità, frutto di un impegno costante alle direttive di Maurizio Ventura, ma anche con l'umiltà di chi si affaccia ad un campionato di livello superiore e sa che dovrà dimostrare sul campo di meritare la categoria.

Quali le novità per la prossima stagione?
“La novità più importante è l'inserimento nel roster di Giulia Pegoraro, atleta rodigina che a soli quindici anni ha lasciato la nostra città per inseguire il sogno di diventare giocatrice di basket. Da allora, dopo il settore giovanile nella Reyer, ha giocato per molti anni in serie A per cui il suo contributo sara' determinante nel guidare   le giovani cresciute all'interno del progetto Rhodigium. Stiamo cercando di rafforzarci nel settore delle lunghe e per tal motivo la prossima settimana ci sarà un ciclo di allenamenti di prova".

Quali sono le difficoltà maggiori incontrate nella gestione della società?  
“La difficoltà iniziale, poiché la società non aveva tradizione, è stata quella di creare, a poco a poco, una struttura societaria adeguata e un'identità caratterizzante che guidasse il percorso della Rhodigium. Ogni società che nasce deve a mio avviso configurarsi in base ai principi etici della sua dirigenza, al credo sportivo degli allenatori, alle caratteristiche degli atleti, il tutto poi calibrato al contesto locale in cui opera. In questo senso la Rhodigium Basket ha cercato di coniugare una forte componente educativa e formativa, all'obbiettivo di creare passione per la pallacanestro motivando così l'atleta ad un costante miglioramento. 

Credo che da questo punto di vista la strada intrapresa stia dando i suoi frutti anche se ci si deve sempre adeguare ai nuovi contesti che si presentano. Creata questa identità societaria attualmente siamo alla ricerca di realtà locali che credano nel nostro progetto, investano in una società nata e cresciuta all' interno della città da un gruppo di genitori ed atlete rodigine che sono riusciti, in pochi anni, partendo dal settore giovanile a costruire la struttura portante della squadra di serie B. 

Accostare il nome di un'azienda alla Rhodigium Basket significa credere in un progetto di cooperazione tra le sue diverse componenti, atleti, dirigenti, tecnici, genitori, sostenitori, ed in una realtà rodigina di crescita sportiva e umana dei nostri giovani".

Che obiettivi si pone per il futuro della Rhodigium Basket?

“L’obbiettivo per questo anno sportivo è di fare un buon campionato di serie B, lavorare bene con il settore giovanile e ampliare i numeri del Minibasket vero motore di ogni società”.

La presidente ci lascia ricordando che gli appassionati e sostenitori della società possono seguire le notizie attraverso il sito www.rhodigiumbasket.it, la pagina facebook www.facebook.com/rhodigiumbasket e lanua piattaforma www.triboom.com/rhodigiumbasket. 

 

 

29 luglio 2017
Bancadria 468x60




Correlati:

Musikè fondazione cariparo 730x90