SPORT IN LUTTO ROVIGO E’ morto Gianfranco Correzzola, avrebbe dovuto ricevere la Stella d’oro al merito sportivo dal Coni, una delle tante benemerenze per la sua attività nella pesistica 

Mercoledì l’addio a Gianfranco Correzzola

Gianfranco Correzzola (a destra) premiato dal presidente regionale del Coni Bardelle
Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017

Si è spento all'ospedale di Rovigo il maresciallo dei carabinieri in congedo Gianfranco Correzzola. Aveva 78 anni. In città era molto noto per la sua attività nella disciplina della pesistica, una storica palestra poi numerose benemerenze. Purtroppo il Coni non è riuscito a consegnare l’ultima e più importante, la Stella d’Oro al merito. L’ultimo saluto sarà dato nella chiesa di San Francesco mercoledì 2 agosto alle ore 10


Rovigo - Il Coni aveva deciso di conferirgli la Stella d’oro al merito sportivo dopo quella d’argento, Gianfranco Correzzola l’età di 78 anni non l’ha potuta ricevere a Venezia qualche settimana fa, ma il comitato a cinque cerchi veneto e rodigino lo avrebbe fatto direttamente a domicilio. Troppo tardi, il maestro della pesistica rodigina e maresciallo dei carabinieri in congedo, si è spento all’ospedale di Rovigo il 30 luglio, lasciando la moglie Anna e il figlio Enrico.

Maestro di pesistica e cultura fisica, Correzzola ha da sempre legato il suo nome alla pesistica e più in generale al mondo della cultura fisica. Classe 1939, dal 1981 al 1999 è stato presidente dell’As Athletic Club di Rovigo, per 8 anni, dal 1981 al 1989, presidente regionale all’Aicap (Associazione italiana culturismo alzate di potenza), nonché segretario nazionale della stessa associazione dal 1983 al 1993.

Ha promosso ed organizzato numerose gare di cultura fisica, pesistica, biathlon atletico e distensione su panca, inanellando molti successi personali e con i propri atleti.

E’ stato anche segretario dell’”Accademia” e docente per le materie “Origini e storia della Cultura Fisica” e di “Documenti e carte federali”. Dal 1977 è ufficiale di gara di pesistica, prima regionale, poi nazionale ed attualmente rientra nel ruolo degli “Arbitri Benemeriti”. Dal 1979 al 1984, è stato consigliere regionale della Federazione Italiana Lotta Pesi Judo Karate, e dal 1985 il delegato Fipe per la Provincia di Rovigo.

L’ultimo saluto sarà dato nella chiesa di San Francesco mercoledì 2 agosto alle ore 10.

 

 

31 luglio 2017
Bancadria 468x60




Correlati:

  • Due nuovi ingressi nel comitato a cinque cerchi

    CONI ROVIGO Si rinnova la squadra dei fiduciari, al fianco di Lucio Taschin entrano Nicola Fini e Angelo Rossi

  • La giusta occasione per fare esperienza

    FOOTBALL AMERICANO ROVIGO Gli Alligators, in vista del campionato che comincerà a febbraio, parteciperanno ad un torneo a 7

  • Un rodigino alle finali di Maastricht

    SPORT GAELICI ROVIGO Donatello Buoso, uno dei migliori elementi rossoblu, scenderà in campo con la maglia dei Paddies Padova allo allo Sportsparkwest

  • Scoppia l'emergenza furti di bici

    POLIZIA ROVIGO Allarme per numerosi episodi che sono stati segnalati al personale della questura

  • La coppa resta in Polesine

    BASEBALL SOFTBALL ROVIGO Un successo l’Apen cup di rounders che ha visto imporsi l’Ascaro

  • Di corsa con Lilt

    PODISMO ROVIGO Circa 300 podisti per l’evento organizzato sabato da CorriXRovigo e Nordik Walking Granzette nell’ambito del “Festival It.a.cà” per il turismo sostenibile

  • Sfumato il concorso di danza col ballerino di Amici

    OCCASIONI PERSE ROVIGO Con la "cacciata" dell'ex assessore Andrea Donzelli, oltre alla sparizione di grandi nomi dalla stagione di prosa, se ne va anche l’appuntamento internazionale concordato con Josè Perez. Avrebbe portato 400 artisti in città

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe