IL CASO A PAPOZZE (ROVIGO) Dopo l'investimento avvenuto nella serata di martedì 8 agosto, il consigliere provinciale Daniele Ceccarello chiede l'installazione della segnaletica per tutelare gli automobilisti

"Servono i cartelli di Attenti ai cerbiatti"

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe

Un incidente nel quale ha trovato la morte un cerbiatto (LEGGI ARTICOLO), mentre le persone in auto non hanno riportato traumi gravi. Non un esito scontato, alla luce delle dimensioni di questi animali. Tanto che il consigliere provinciale Daniele Ceccarello ha chiesto interventi a tutela di chi circola su quella strada



Papozze (Ro) - Il consigliere provinciale Daniele Ceccarello, alla luce dell’incidente che ha visto un’auto investire un cerbiatto nel Comune di Papozze,  sulla strada regionale che porta a Villanova Marchesana, ha prontamente fatto richiesta formale al presidente della Provincia, Marco Trombini, affinché prenda urgenti provvedimenti, attrezzando la strada con segnaletica, indicante la presenza di animali vaganti, in modo tale che anche gli utenti siano a conoscenza della possibilità di trovare ungulati o altri animali in libertà.

“Poteva capitare di peggio - spiega - all’automobilista che, ignaro dell’insolita presenza dell’animale, l’ha investito, provocandone la morte, nell’incidente dello scorso 8 agosto, poiché l’ungulato ha dimensioni abbastanza grandi e, trovandoselo davanti all’improvviso, su una strada, può anche creare timori e indurre ad effettuare manovre rischiose, per evitarlo”.

“Il problema degli ungulati e degli animali selvaggi che vagano per le strade sta aumentando in questi ultimi tempi in tutto il Polesine, dall’Alto al Basso. Qualche mese fa, infatti, la Provincia di Rovigo è dovuta intervenire, per arginare la presenza del proliferare di colonie di cinghiali tra Villadose e San Martino di Venezze, mai notati prima di quel periodo. Sicuramente sono animali che si spostano in cerca di cibo, ma possono creare danni a colture e persone, aggiunge Ceccarello”.

“Quindi, oltre ad arrecare danni materiali o fisici agli utenti della strada, gli animali vaganti diventano un problema per l’agricoltura, poiché si nutrono di vegetali, come mais, soia, semi, ortaggi e frutta, rovinando pesantemente le colture, se non presenti in colonie. In qualità di Consigliere provinciale ho informato formalmente il presidente della Provincia sulla questione affinché si prendano i dovuti provvedimenti, atti a risolvere o per lo meno ad arginare il problema dei possibili danni all’agricoltura causati da animali selvaggi; mentre, per quanto riguarda la loro crescente presenza sulle strade polesane, ho suggerito di installare apposita segnaletica, in modo che gli utenti siano prontamente avvertiti".

9 agosto 2017




Correlati:

  • Lotta ai piccioni a due passi dal municipio

    DEGRADO ROVIGO Dopo la segnalazione del consigliere Antonio Rossini, il vice sindaco Ezio Conchi ha interessato Ecoambiente per la pulizia del guano e i proprietari degli immobili per la sistemazione di dispositivi anti-piccione

  • Per lui nessuna porta è chiusa

    ROSSINI SUPERSTAR (ROVIGO) Neppure l'aula di udienza penale gli è preclusa. Il micione tigrato adottato dal centro città presenzia al processo

  • "Gli alloggi pubblici ci sono, però bisogna essere in graduatoria" 

    COMUNE PAPOZZE ROVIGO (ROVIGO) Guglielmo Ferrarese, commissario Ater, risponde al consigliere Piermarino Veronese spiegando che per partecipare all’assegnazione della casa serve averne fatta domanda 

  • Lei disabile, le figlie minori: sono senza casa

    IL CASO A PAPOZZE (ROVIGO) Il consigliere comunale Piermarino Veronese: “Pronto a occupare un appartamento sfitto pur di dare loro un alloggio. Ho già avvisato tutti”

  • Furti da paura alle ditte: assolto da tutto

    PAPOZZE E LENDINARA (ROVIGO) Il 28enne era accusato di avere rubato alla Inox Tech e alla Mastergame. Bottino complessivo di oltre 150mila euro

  • I cavalli sono tornati a casa

    LA STORIA A PORTO VIRO (ROVIGO) I sei animali di proprietà del Comune fanno ritorno a Ca’ Cappello, nel centro gestito dalla cooperativa Don Sandro Dordi, coi volontari dell’Asd Le Redini

  • Multato mentre salva un cane: non perderà punti

    STORICA SENTENZA A ROVIGO Il giudice riconosce lo stato di necessità e lo applica anche a un "non umano", alla luce della mutata percezione dei nostri animali domestici

Fondazione Cariparo Nuove Generazioni