PALAZZO NODARI ROVIGO Il sindaco Massimo Bergamin è pronto alla nomina del nuovo componente della giunta, una donna vicina alla Lega Nord. Alessandra Sguotti raccoglierà il testimone di Andrea Donzelli

La decisione è pronta: rimpasto e nuovo assessore

I due reduci della giunta di Massimo Bergamin del 2015: Ezio Conchi di Forza Italia, vicesindaco, Antonio Gianni Saccardin di Presenza Cristiana
Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017

Sarà una donna della Lega Nord, alla quale dovrebbe essere affidata la delega alla sicurezza. Sono le indiscrezioni di palazzo, a poche ore dalla nomina del nuovo assessore della giunta Bergamin. Il sindaco, infatti, farà l’annuncio nella mattinata di venerdì 11 agosto. Il nuovo assessore non sostituirà Andrea Donzelli, la cui delega alla cultura dovrebbe andare ad Alessandra Sguotti. Salta anche l’ipotesi Cristina Folchini, che dovrebbe rimanere al suo posto, in Asm set. Rimpasto di giunta appena prima della presentazione alla stampa del nuovo volto della giunta comunale



Rovigo – Nuovo assessore per la giunta di Massimo Bergamin dopo la revoca di Andrea Donzelli. Il sindaco ha convocato una generica conferenza stampa nella mattinata di venerdì 11 agosto, e presenterà probabilmente il nuovo assessore, una donna, vicina alla Lega Nord. Prima dell’incontro una riunione a porte chiuse con gli attuali componenti della giunta per un rimpasto. A raccogliere il testimone di Donzelli, dovrebbe essere l’assessore alla progettazione europea Alessandra Sguotti, al quale verrà affidata la delega alla cultura togliendole però il Suap. Voci di palazzo confermano che sia stata la stessa Sguotti a chiedere che le venisse affidata la cultura, e che l’assessore cacciato, Donzelli, abbia espresso parere favorevole. Anzi, potrebbe addirittura essersi mostrato disponibile ad aiutarla. Nei giorni scorsi Alessandra Sguotti avrebbe abbandonato l’impegno con l’associazione Ascom e per tale motivo potrebbe essere considerata una assessore a tempo pieno.

La nomina di venerdì 11 agosto quindi non sostituirà Andrea Donzelli, ma sarà un nuovo volto che sembra essere stato garantito come una donna della Lega Nord, un nome in quota al primo cittadino, non suggerito da altri alleati in maggioranza, così come era quello di Donzelli. A lei, dovrebbe essere affidata la delega alla sicurezza e probabilmente anche il Suap, delega attualmente in carico ad Alessandra Sguotti. La nuova giunta, comunque, non dovrebbe prevedere altre “cacciate”. Il presidente del consiglio, Paolo Avezzù, infatti, dichiara: “Non ci saranno né morti nè feriti”, al termine di un colloquio con il sindaco. Ma non si lascia scappare altro. Una cosa sembra essere certa: il nuovo assessore, sebbene donna, non sarà Cristina Folchini (Forza Italia). La presidente di Asm Set resterà infatti al suo posto.

L’occasione del rimpasto potrebbe essere quella del cambio dei referti tra Luigi Paulon, assessore ai lavori pubblici in pectore, ed Antonio Saccardin, ma forse il sindaco farà un passo alla volta piuttosto che rivoluzionare tutto il suo gruppo di lavoro a Palazzo Nodari.

10 agosto 2017
Bancadria 468x60




Correlati:

Fondazione Cariparo Nuove Generazioni