AMBIENTE CANTONAZZO (ROVIGO) La Greenfert chiede una proroga e il Comune acconsente, basta che si trovi una soluzione definitiva. “Dateci il tempo di trovare una soluzione tecnica” 

"Faremo cessare la puzza, ma serve un po' di tempo"

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017

Il problema ė stato sollevato grazie ad una interrogazione di Fabio Benetti, consigliere comunale della Lega nord (LEGGI ARTICOLO), seguito da una presa di posizione del consigliere di oppposzioone Antonio Rossini (LEGGI ARTICOLO). Nella mattinata del 16 agosto incontro tra il Comune di Rovigo e la ditta Greenfert, da tempo indicata dai residenti di Cantonazzo come la causa della puzza che li costringe a tenere le finestre chiuse. Esiste - assicura l'azienda - una soluzione, ma serve del tempo per trovarla. La ditta prende quindi tempo, ma promette che troverà il modo per cessare le emissioni di odori 



Rovigo – Il Comune attenderà, ma non per molto. È la sintesi dell’incontro che si è svolto nel pomeriggio di mercoledì 16 agosto a Palazzo Nodari tra i rappresentanti del Comune (erano presenti l’assessore all’ambiente Ezio Conchi, il dirigente all’ambiente Michele Cavallaro, l’assessore Antonio Saccardin e i consiglieri della Lega Nord Michele Aretusini e Nicola Marsilio) e il titolare della Greenfert, accompagnato dai suoi legali.

 In breve, il tema affrontato riguarda - secondo le testimonianze dei residenti - l’emissione di odori (e polveri) dell’azienda che gli abitanti della frazione di Cantonazzo non riescono proprio più a sopportare tanto da aver chiesto a gran voce un intervento del Comune. Comune che, dopo una ordinanza (LEGGI ARTICOLO) ha segnalato alla Procura un possibile mancato rispetto di questa (LEGGI ARTICOLO), a seguito dell’ennesima protesta degli abitanti che lamentavano come neppure l’ordinanza avesse interrotto la puzza (LEGGI ARTICOLO). 

Un incontro, quindi, quello di mercoledì 16 agosto, molto atteso da entrambe le parti e strettamente necessario per dare una risposta ai cittadini. “L’azienda ha chiesto un breve rinvio di qualunque azione del Comune – spiega l’assessore all’ambiente e vicesindaco Ezio Conchi – per dare incarico ai tecnici di trovare una soluzione. Presenteranno una istanza di rinvio. Non hanno parlato delle tempistiche necessarie per trovare la soluzione tecnica ottimale, ma se ci verrà proposto di attendere a lungo diremo di no. In ogni caso l’azienda si è mostrata disponibile a trovare la soluzione tecnica migliore (che esiste) per cessare l’emissione di polveri e odori. Abbiamo solo chiesto di trovarla in tempi ragionevolmente stretti".

"Starà poi all’azienda, una volta che avrà in mano le proposte tecniche, decidere di investire o meno in una di quelle soluzioni. E noi ci comporteremo di conseguenza. Nell’immediato, attendiamo di ricevere l’istanza della ditta che permetterà al Comune di capire di quali tempi stiamo parlando. Giorni, settimane o mesi?”. 

16 agosto 2017
Tecnostore Occhiobello 468x60




Correlati:

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe