ARTE ARIANO NEL POLESINE (ROVIGO) Realizzato il primo murales in pieno centro sul tema delle sfumature della musica, regalato dall’associazione Officine sociali 

Il paese ha il suo primo quadro gigante

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017

La musica sia come forme artistica che come strumento universale di comunicazione a livello educativo, riabilitativo o terapeutico: è su questo concetto che l’associazione Officine Sociali ha invitato a realizzare il primo murales in paese. A vincere il concorso è stata Alessandra Carloni che ha dipinto un uomo seduto sul grande tronco d’albero con una ocarina al collo 



Ariano nel Polesine (Ro) - “Abbiamo impreziosito Ariano regalando ai cittadini un’opera d’arte”. La presidente Marinella Mantovani a nome dei soci dell’associazione Officine sociali esprime grande soddisfazione per la realizzazione del primo murales in paese.

“Siamo orgogliosi di aver regalato ad Ariano il primo murales, una scelta apprezzata da tutti, inaspettata e che ha risvegliato i cittadini nel ‘contemplare’ questo bellissimo dipinto - afferma - In molti si sono sentiti coinvolti e ci hanno sostenuto in questa iniziativa”. 

Il centro storico di Ariano nel Polesine presenta, già da diversi anni, angoli e immobili trascurati a causa del lento e progressivo abbandono del centro abitato, per questo è stato chiesto all’amministrazione comunale la possibilità di utilizzare quel muro all’entrata del paese. 

“Abbiamo voluto introdurre nel territorio un elaborato pittorico (murale) di qualità per veicolare un  messaggio sociale convinti dell’importanza della diffusione del concetto di società educante - continua Mantovani - Officine sociali gestisce ad Ariano il Centro sollievo alzheimer, un luogo accogliente, gestito da volontari che aiutano le persone e le famiglie toccate dalla malattia. Al nostro centro sollievo le attività artistiche hanno un’importanza fondamentale nell’aiutare le persone, attraverso le emozioni, a ritrovare se stesse, nel presente e soprattutto nel passato. In particolare la pittura e la musica”.

E proprio all’intreccio di queste due arti con le emozioni, è stato dedicato il tema del murales, “Tutte le sfumature della musica”, promuovendo un concorso rivolto ai giovani dai 16 ai 35 anni. La musica per esprimere il valore che assume sia come forma artistica, sia come strumento universale di comunicazione a livello educativo, riabilitativo o terapeutica con la musicoterapia. 

Il concorso è stato vinto da una giovane affermata artista romana, Alessandra Carloni che sta dipingendo l’Italia dal Nord di Torino al Sud delle cantine Florio di Marsala. Nei giorni scorsi, sotto il sole cocente e la luce della luna, con pennellini alla ricerca delle giuste sfumature, ha lavorato senza tregua regalando al paese una vera opera d’arte. “Il personaggio protagonista seduto sul grande tronco d’albero ci ricorda la nostra secolare quercia caduta, - commenta - e la grande ocarina che porta al collo diventa il simbolo musicale del nostro paese”.

Il progetto dei murale quale veicolo per messaggi sociali non si ferma qui, e proprio con l’obiettivo di creare ad Ariano  un itinerario di murales Officine Sociali sta già programmando la prossima opera. 

17 agosto 2017
Tecnostore Occhiobello 468x60




Correlati:

Musikè fondazione cariparo 730x90