RUGBY ECCELLENZA La resa dei conti. La guerra tra FemiCz Rovigo e Monti Junior porta l’ennesimo scossone. Francesco Zambelli si è dimesso stufo di critiche e lotte intestine

Clamoroso: Zambelli si è dimesso

Musikè fondazione cariparo 730x90

Francesco Zambelli: “Mi arrendo, rassegno le mie dimissioni da Presidente. Porterò avanti fino al 30 giugno 2018 gli impegni economici di FEMI-CZ Spa e quelli a me riconducibili”. 
La chiave di lettura, Zambelli vs Costato

Leggi l’articolo sul clamoroso rifiuto dei tecnici Monti 
Leggi l’articolo sul progetto del patron Zambelli
Leggi l’articolo sui nuovi tecnici di Under 18 e Cadetta


Rovigo - Doveva accadere, e questa volta il patron della FemiCz Rovigo fa sul serio. Guerra e resa dei conti senza fine tra Rugby Rovigo Delta che gestisce la prima squadra, e da quest’anno anche Under 18 e Cadetta, e Monti Junior di fatto controllata dal professor Luigi Costato. Diversità di vedute, guerre giornaliere che hanno portato al collasso di rapporti deteriorati già nel 2012 dopo la cacciata del ds Alejandro Canale (LEGGI ARTICOLO). Da allora tutto è cambiato.

Il comunicato

Il Presidente si è dimesso, non tollerando più il peso e la responsabilità di un incarico che doveva essere fonte di soddisfazione e consenso e che è diventato invece oggetto di facili e immeritate critiche, spesso basate su informazioni meramente ostili.

Egli si è battuto perché pensava ad una Monti Junior “gamba vitale” della Rugby Rovigo Delta e non ad uno strumento condizionante e riduttivo della stessa; ad una Federazione nazionale che accompagnasse i Club verso obiettivi superiori e, quando meritevoli, verso l’alto livello, e non il contrario; ad una Amministrazione comunale attenta a sostenere il rugby polesano, bene comune e patrimonio del territorio, incapace invece, con tutta tranquillità, di mantenere le promesse e di evitare handicap alle maggiori aspirazioni della società.

Al presidente rimane la passione e la possibilità di ritornare al comando della società, se richiesto, ma prima dovranno essere risolte, almeno in buona parte, le questioni appena richiamate, che tanto lo hanno turbato e deluso. Ai tifosi, ai tecnici e soprattutto ai giocatori chiede di continuare a comportarsi come sempre per il bene della Rugby Rovigo Delta e per la conservazione della grande memoria rossoblù.

Ringrazia tutti i sostenitori che tante volte lo hanno acclamato: “di Presidenti ce n’è solo uno”.

Di seguito la lettera di dimissioni.
Egregi Consiglieri della Rugby Rovigo Delta,
Egregi Sindaci della Rugby Rovigo Delta,

ci sono anche altre ragioni per dare le mie dimissioni da Presidente della nostra Società, ma ora è sufficiente l’ultima in ordine di tempo: non intendo vivere l’onore e l’onere della presidenza della Rugby Rovigo Delta portando continuamente la spina nel fianco e nel cuore che Monti Rugby Rovigo Junior ha saputo conficcare.

Credevo che il nuovo corso della società, con la gestione diretta delle Under 18 e della Cadetta, fosse occasione per il rilancio del nostro Club in senso univoco per i colori rossoblù, ma così non potrà essere. E quindi mi arrendo, rassegno le mie dimissioni da Presidente. Porterò avanti fino al 30.06.2018 gli impegni economici di FEMI-CZ Spa e quelli a me riconducibili.

Ho voluto fare il Presidente di R.R.D. convinto di essere in grado di rilanciare il rugby polesano ma ora, anche se solo a metà strada, devo fermarmi.

Grazie della fiducia concessami fino ad oggi.
In fede,
Francesco Zambelli”

 

 

18 agosto 2017
Tecnostore Occhiobello 468x60




Correlati:

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe