IL CASO A ROVIGO Non ci sono più soldi in cassa, neppure nei fondi di riserva. Il settore, per rispondere alle urgenze, aspetta a dita incrociate le donazioni di qualche associazione

Servizi sociali senza soldi: attendono la carità

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017

L’ultima volta, non molto tempo fa, l’associazione Bandiera gialla ha raccolto 3mila euro che sono serviti ad aiutare 21 famiglie rodigine (LEGGI ARTICOLO). E i servizi sociali del Comune di Rovigo attendono con ansia il prossimo concerto, visto che in cassa non hanno più nulla



Rovigo – Per fortuna ci sono associazioni come Bandiera Gialla, altrimenti il Comune di Rovigo non riuscirebbe neppure a dare una mano alle famiglie disperate, senza soldi per le bollette o per la spesa. Hanno raschiato anche il fondo della cassa, i servizi sociali di Palazzo Nodari, ed ora non hanno più un soldo. Con il lodo baldetti che tiene prigioniero il poco che resta di avanzo di bilancio, i servizi sociali non possono sperare di accedere neppure a quello. 

E mentre le famiglie che hanno bisogno di un aiuto aumentano, i soldi a loro destinati diminuiscono, anzi, finiscono. E così con le dita incrociate si attende il ricavato del prossimo concerto organizzato da Bandiera Gialla, che ha già promesso di donare, anche questa volta, i soldi ai servizi sociali del Comune. Non saranno moltissimi, ma sono una manna da cielo. Serviranno nell’immediato a pagare le piccole incombenze delle famiglie in difficoltà.

18 agosto 2017
Bancadria 468x60




Correlati:

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe