MOTORI ROVIGO Il pilota di Villadose, Luca Roccato, al via per i colori di Fiocco Sport e La Superba, ricorda il fratello Rossano chiudendo ai piedi del podio, di classe A6, alla guida di una Peugeot 106

In gara nel ricordo di Rossano

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017

Complice l'uscita di scena di Artuso, sull'undicesimo crono in programma, il driver polesano guadagna un'altra posizione, salendo al quarto posto, per poi avviarsi verso il centro di Scorzè dove l'organizzatore dell'evento gli ha riservato una gradita ed inaspettata sorpresa, facendolo salire sul gradino più alto del podio, con tanto di spumante per festeggiare l'arrivo. 


Villadose (Ro) – È un raggiante Luca Roccato quello salito sulla pedana di arrivo al termine del Rally Città di Scorzè, edizione 2017, coronando il sogno di ricordare nel migliore dei modi il compianto fratello Rossano, compagno di mille avventure nel mondo rallystico.

Nel recente weekend il portacolori del sodalizio rodigino Fiocco Sport, iscritto per i colori della scuderia La Superba, ha concluso la propria trasferta in terra veneziana con un ottimo quarto posto di classe A6 nonché decimo nella classifica generale di gruppo A.

Una gara difficile, selettiva e resa insidiosa dalle condizioni meteo che, anche quest'anno, hanno segnato pesantemente la classifica al termine della prima frazione di gara, in notturna.

“Sono molto provato fisicamente ma contentissimo – racconta Roccato – perchè seppur è vero che guido tutto il giorno, essendo un camionista, tenere a bada queste piccole belve, se non sei abituato a farlo, non è per nulla semplice. In questi due giorni ho ricevuto una carica di emozioni notevole. Ho ancora gente che oggi mi chiama per farmi sentire la propria vicinanza. Ho sentito davvero tanto il calore delle persone che mi circondavano in questo weekend ed era proprio quello di cui avevo bisogno per ricordare nel migliore dei modi mio fratello Rossano.” 

Dopo una prima presa di contatto con la Peugeot 106 Rallye gruppo A, messa in campo dal team Galiazzo, per Roccato e per il navigatore David Granziera giunge il momento atteso di dare fuoco alle polveri, con la prima prova speciale di “Fassinaro”.

Con otto partenti al via il pilota di Villadose apre le danze con un buon quinto tempo, posizione che manterrà saldamente sino al termine della prima frazione del Sabato.

Il giorno seguente, tolte le fanalerie supplementari, il passo di Roccato migliora, seppur rimanendo ampiamente in sicurezza, con il chiaro ed unico obiettivo di riuscire a salire sulla pedana di arrivo dalla quale era partito la sera prima.

Complice l'uscita di scena di Artuso, sull'undicesimo crono in programma, il driver polesano guadagna un'altra posizione, salendo al quarto posto, per poi avviarsi verso il centro di Scorzè dove l'organizzatore dell'evento gli ha riservato una gradita ed inaspettata sorpresa, facendolo salire sul gradino più alto del podio, con tanto di spumante per festeggiare l'arrivo. 

“Le prime due prove del Sabato è andata bene – sottolinea Roccato – ma poi, con il buio, abbiamo fatto un po' di fatica, specialmente quando ci si è messa di mezzo la pioggia. Grazie a David che mi ha trasmesso tanta calma in abitacolo, mi sono trovato davvero bene con lui. Il giorno seguente, con il sole, è stato tutto più semplice. Sapevamo bene di non poter andare al limite con una vettura così impegnativa. Ci siamo resi conto che staccavamo molto in anticipo, proprio perchè non volevamo rischiare nulla e tagliare solamente il traguardo nel ricordo di Rossano. Grazie di cuore a Davide Fiocco, a Paolo Benvenuti ed a tutto il team Galiazzo che ci ha dato il massimo supporto, seguendoci e dandoci preziosi consigli. Mi sento il vincitore.”

 

22 agosto 2017
Bancadria 468x60




Correlati:

  • Gli spettri del passato

    MOTORI ROVIGO I pensieri del pilota adriese Matteo Luise tornano alla sfortuna della passata stagione, dopo aver collezionato il secondo ritiro consecutivo, per rottura meccanica, sulla prima speciale

  • A Vallelunga, Tinti ancora sul podio

    MOTORI ADRIA (ROVIGO) Al Trofeo italiano amatori, sul circuito Pietro Taruffi, paura Castellani e gioia per Fabrizio Tinti

  • Il polesano cerca il riscatto all’Isola d’Elba

    MOTORI ROVIGO Il pilota adriese Matteo Luise, con ancora l'amaro in bocca per il ritiro al Lahti Historic Rally, rientra nel penultimo round del Ciras con tanta voglia di bissare il successo del 2016

  • Un weekend da dimenticare in fretta

    MOTORI ROVIGO Il ritorno di Eros Finotti in Slovenia, qui vincitore nel 2016 nell'Alpe Adria Rally Cup, va in archivio con un amaro ritiro

  • Il polesano assapora l’europeo 

    MOTORI ROVIGO Il pilota di Taglio di Po Eros Finotti, affiancato dal clodiense Nicola Doria, torna sulle speciali slovene che gli diedero la vittoria nell'Alpe Adria Rally Cup 2016

  • In pista con un sorriso

    MOTORI ADRIA (ROVIGO) Domenica 1 ottobre all’autodromo polesano bella iniziativa organizzata dal Wrc team, perché la disabilità non sia un limite

  • Un successo annunciato, il terzo  

    MOTORI ROVIGO Numeri da capogiro a Villadose per la terza edizione: quasi 300 mezzi in totale, un centinaio di adesioni al Vespa Incontro ed in cinquanta alla 5 Miglia Storico

Musikè fondazione cariparo 730x90