VOLLEY ROVIGO Grande partecipazione a Santa Maria Maddalena (Occhiobello) per l’ultimo saluto a Pietro Pantaleoni, coach storico della Fruvit. Nutrita presenza del mondo della pallavolo di Ferrara

Commosso addio a Pietro Pantaleoni, vero uomo di sport

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe

Giovedì 31 agosto l’ultimo saluto a Santa Maria Maddalena, a rendergli omaggio la pallavolo polesana, ferrarese e nazionale, il mondo dello sport e della politica.

Presenti per le esequie tutte le squadre del Gs Fruvit con il presidente Carlo Bonazzi in testa, oltre al presidente del consiglio comunale di Rovigo Paolo Avezzù (anche numero due del sodalizio gallonero), l’assessore allo Sport del capoluogo Gigi Paulon, di Occhiobello Davide Diegoli, la Fipav provinciale con Natascia Vianello, Mirco Mancin e Pino Tumeo, ad una nutrita presenza di arbitri e tecnici. Dalla sponda estense presenze illustri con Ruggero Tosi, Alessandro Bratti, Massimo Magnani, Daniele Ricci, Roberto Poli, Andrea Zappaterra, Cesare Zanolli (unico ferrarese a vestire la maglia della Nazionale di volley), il capitano della 4 Torri Ferrara Matteo Bernard, coach Matteo Poli, e l’arbitro ferrarese di Serie A Giorgio Gnani.


Santa Maria Maddalena (Ro) - Un maestro di vita. Una definizione spesso abusata nel mondo dello sport, ma per Pietro Pantaleoni è riduttiva. Per gli addetti ai lavori era sufficiente leggere i commenti post gara per capire che lo spessore tecnico andava al di là del gioco della pallavolo. Un uomo che pretendeva tanto da sé stesso, come dalle proprie atlete. Un esempio di disciplina legata allo sport, ma che si rispecchia nella vita. 

Non ha mai mollato, in 30 anni di gestione tecnica del Gruppo Sportivo Fruvit, con al fianco la moglie Giuliana Perilli, ha costruito un mezzo miracolo sportivo ad Occhiobello. Dalla Serie D alla B, ma probabilmente il suo fiore all’occhiello sono le finali nazionali giovanili raggiunte. Un vanto per una piccola società presieduta da Carlo Bonazzi, una storia fatta di sacrificio, lungimiranza, e risorse economiche contenute e razionate per far quadrare i conti. 

Tutto quello che la Fruvit ha costruito in questi anni se lo è sudato con il sudore della fronte, costruendo un settore giovanile forte, lavorando con atleti del territorio, e senza mai fare il passo più lungo della gamba. Dietro questo progetto il “guru” Pietro Pantaleoni, nato Cervia 68 anni fa, dopo l’esperienza in Serie A con la Lubian, a Ferrara aveva cominciato ad allenare molto giovane. 

E proprio dalla città estense era nutrita la presenza di personaggi dello sport nella chiesa di Santa Maria Maddalena. Coach Ruggero Tosi, Alessandro Bratti ex pallavolista, ed attuale parlamentare e presidente della commissione bicamerale sul traffico illecito dei rifiuti (commissione ecomafie),  Massimo Magnani, Daniele Ricci, Roberto Poli Andrea Zappaterra, Cesare Zanolli (unico ferrarese a vestire la maglia della Nazionale di volley), il capitano della 4 Torri Ferrara Matteo Bernard, coach Matteo Poli, e l’arbitro ferrarese di Serie A Giorgio Gnani.

Negli ultimi dodici mesi la Fruvit aveva disputato il campionato di B2 nella città capoluogo al Palasport di via Bramante, Pantaleoni già ammalato da tempo ha portato fino in fondo il campionato, lo ha fatto per amore di uno sport in cui credeva, lo ha fatto anche quando erano chiare le difficoltà motorie, fino all’ultimo senza mai mollare. Purtroppo le giallonere avrebbero voluto regalagli una promozione in B1, ma la dura legge dello sport è impietosa. Un vuoto quello lasciato la notte del 28 agosto che in Fruvit sarà impossibile da colmare, non solo per le competenze tecniche. 

Giovedì 31 agosto l’ultimo saluto a Santa Maria Maddalena, a rendergli omaggio la pallavolo polesana, ferrarese e nazionale, il mondo dello sport e della politica. Presenti per le esequie tutte le squadre del Gs Fruvit dalla quella di B2 al settore giovanile con tutti i dirigenti e gli allenatori, il presidente del consiglio comunale di Rovigo Paolo Avezzù (anche vicepresidente del sodalizio gallonerà), l’assessore allo Sport del capoluogo polesano Gigi Paulon, di Occhiobello Davide Diegoli, la Fipav provinciale con Natascia Vianello, Mirco Mancin e Pino Tumeo, l'arbitro Diego Gardina, coach Patrizio Marzola e tanti altri esponenenti del mondo della pallavolo.

 

31 agosto 2017
Tecnostore Occhiobello 468x60




Correlati:

  • Il derby è gialloblù

    VOLLEY FEMMINILE UNDER 16 La Polisportiva San Pio X ha vinto sul campo del San Bortolo 1-3 (7-25, 26-24, 15-25, 16-25)

  • Le bassopolesane tornano in testa

    VOLLEY FEMMINILE UNDER 14 ROVIGO La Project Star vince sull’Asaf Cecchetti Sedie 3-0 (25/16, 25/15, 25/17)

  • Vittoria e primato 

    VOLLEY MASCHILE SERIE B ROVIGO L’Alva Inox Delta Porto Viro ha battuto Gori Wines Prata 3-1 (27-25, 29-31. 25-21, 26-24) conquistano la vetta della classifica 

  • Successo importante per l’autostima

    VOLLEY FEMMINILE SERIE B2 La Fruvit Rovigo ha vinto 3-0 (25-20, 25-15, 25-22) sul C9 Arco Riva (Tn), conquistando il quinto posto in classifica 

  • Bassopolesane in semifinale

    VOLLEY COPPA ROVGO Project Star vince e convince, 3-0 ai I Santi (25/20, 25/18, 25/23)

  • Sfida al vertice

    VOLLEY MASCHILE SERIE B ROVIGO Domenica 19 novembre grande appuntamento a Porto Viro, prima contro seconda. L’Alva Inox Delta ospita la capolista Gori Wines Prata

  • Al Palasport arriva la terza della classe

    VOLLEY FEMMINILE SERIE B2 Sabato 18 novembre alle 21 la Fruvit Rovigo ospita la C9 Arco Riva (Tn), formazione dalla battuta micidiale 

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017