CONSIGLIO COMUNALE VILLADOSE (ROVIGO) La vicenda dell'ampliamento di Fresenius e un possibile collegamento con gli odori molesti slitta all'assemblea della prossima settimana

Puzza misteriosa: il consiglio rinvia la questione

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe
 Il punto più "caldo" del consiglio comunale in programma nella serata di lunedì 4 settembre a Villadose è stato anticipato e rinviato, d'accordo tra maggioranza e opposizione. Era quello riguardante la proposta di ampliamento della ditta Fresenius di Villadose, (LEGGI ARTICOLO), che era stata avanzata nelle settimane precedenti dalla ditta (LEGGI ARTICOLO). Tanto il pubblico che era arrivato per ascoltare le novità sulla vicenda. Se le riparlerà, comunque, presto: il prossimo 13 settembre, quando è previsa la nuova riunione del consiglio

Villadose (Ro) - Meglio attendere i risultati dei controlli Arpav fatti di recente, prima di addentrarsi in una questione complessa. Questa la decisione presa, in fin dei conti, di comune accordo, tra maggioranza e opposizione, nel corso del consiglio comunale di Villadose, riunitosi nella serata di lunedì 4 settembre. Alla presenza di molto pubblico, dal momento che uno dei punti all'ordine del giorno era quantomai attuale.

Vale a dire, la richiesta della ditta Fresenius, una importante realtà che opera nel settore chimico - farmaceutico, di potere procedere a un ampliamento, per la realizzazione di "un centro di ricerca e una unità di sviluppo". Uno sviluppo osteggiato dalla minoranza, non solo di Villadose, ma anche di Ceregnano. (LEGGI ARTICOLO). Per un motivo chiaro: pur non essendovi prove certe, in molti mettono in relazione le lavorazioni che si svolgono all'interno dello stabilimento con gli odori nauseabondi che si avvertono non solo a Villadose, ma anche nei Comuni vicini di Ceregnano e Gavello.

L'allarme per le emissioni odorose nei due Comuni non è nuovo. Concentrate nel fine settimana, si avvertirebbero quasi più intensamente a Pezzoli che a Villadose, da dove pure pare arrivino. Tanto che, a Ceregnano, è partito un monitoraggio di Arpav (LEGGI ARTICOLO). Varie volte l'amministrazione di Villadose, da parte sua, ha spiegato, anche in consiglio comunale, come sia difficile individuare una causa chiara delle emissioni, ma come non vi siano comunque allarmi per la popolazione (LEGGI ARTICOLO).

Non solo. Puzze a parte, la minoranza aveva anche insistito sulla volontà di capire esattamente di che tipo siano le emissioni in atmosfera dell'azienda. Una questione, quindi, evidentemente complessa, per la quale si è deciso di attendere i riscontri di Arpav dei campionamenti dell'aria di recente eseguiti.
4 settembre 2017
Bancadria 468x60




Correlati:

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017