AMBIENTE ADRA (ROVIGO) Dopo il caso, che ha avuto eco nazionale, Impegno per il Bene Comune e SiamoAdria domandano al sindaco cosa voglia fare per debellare l'insetto

Bimba morta per malaria, la città chiede disinfestazioni

Musikè fondazione cariparo 730x90
Dopo la tragedia, che ha avuto eco nazionale, della bimba morta per malaria a Trento, Impegno per il Bene Comune e SiamoAdria domandano al Comune come stia conducendo la lotta alla disinfestazione dell'insetto, particolarmente presente nel territorio adriese e vettore di numerose malattie

Adria (Ro) - Mettere in campo azioni di lotta alle zanzare, in grado di trasmettere malattie gravi, anche mortali, non endemiche del nostro territorio. Questa la richiesta che viene avanzata con una interrogazione in consiglio comunale dalle liste di Impegno per il Bene Comune e SiamoAdria.

"La disinfestazione del territorio - spiega la nota di Impegno per il Bene Comune - è un'attività fondamentale dal punto di vista strategico per garantire una migliore qualità della vita ed evitare il diffondersi di patologie; la legge pone in capo al Sindaco le funzioni di autorità sanitaria; la zanzara Anopheles è l’unica specie riconosciuta responsabile della trasmissione della malaria, mentre la zanzara Aedes, di cui la zanzara tigre è un membro, può trasmettere la febbre gialla, la dengue, e l’encefalite. Le aree verdi pubbliche e private del territorio comunale sono costantemente invase, nel periodo primavera/estate, dalle zanzare". 

Da qui le domande che vengono rivolte dalle due liste all'amministrazione comunale. La interrogazione, infatti, domanda "Se il Comune partecipi al Gruppo tecnico di coordinamento degli enti ed amministrazioni? Se il Comune abbia censito o intenda censire tutte le aree di infestazione di zanzare in collaborazione con l’Azienda Ulss 5 Polesana e di conseguenza individuare le aree da sottoporre agli interventi di disinfestazione? Se il Comune intende programmare per la prossima primavera, delle azioni mirate di disinfestazione delle  zanzare o interventi larvicidi, per cercare di ridurre il numero di esemplari in circolazione, quali:- disinfestazioni da eseguire dalle 22 all’una di notte, nelle quali venga diffuso tramite autobotte un liquido nebulizzato contenente il preparato per eliminare le zanzare; posizionamento di larvicida in caditoie e tombini".

Altre misure che, secondo questa impostazione, il Comue potrebbe assuemere sarebbero quelle di "predisporre trattamenti adulticidi nelle aree pubbliche, e nei parchi; emanare ordinanze nelle quali si invitino i cittadini a collaborare nella lotta alle zanzare; distribuzione gratuita ai cittadini di larvicida antizanzare in compresse?". L'ultima domanda, poi, fa riferimento alla maniera in cui il Comune intenda finanziare questa lotta alla zanzara.
7 settembre 2017
Tecnostore Occhiobello 468x60




Correlati:

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017