SERVIZI BADIA POLESINE (ROVIGO) Si insedia il nuovo consiglio d'amministrazione della Casa di riposo. Saranno loro a dovere decidere sulla privatizzazione

Inizia la nuova era. Il futuro si decide ora

Fondazione Cariparo Nuove Generazioni

Nei giorni scorsi era stato nominato il nuovo consiglio d'amministrazione della Casa di riposo di Badia Polesine (LEGGI ARTICOLO). Mercoledì 6 settembre, il passaggio di consegne ufficiale



Badia Polesine (Ro) - Nella giornata di mercoledì 6 settembre, alla presenza del direttore Nadia Caramore e del consigliere uscente Franco Rivarollo, si è svolto il passaggio di consegne ufficiale tra il Consiglio guidato da Remo Previatello e quello di Tommaso Zerbinati a cui da oggi spetta il compito di guidare la Casa del Sorriso. 

L’occasione ha permesso al presidente uscente Previatello di illustrare brevemente la situazione dell’Ente e di mettere in evidenza le questioni di prossima scadenza. "Auguro al Presidente Zerbinati e ai neo consiglieri un buon lavoro e di portare a termine le attività di risanamento affinché l’Ente rimanga un valido punto di riferimento per il territorio". 

I nuovi vertici della struttura avranno compiti di fondamentale importanza, dal momento che è sotto il loro mandato che si deciderà il futuro dell'ente. Per la Casa del sorriso, questo il nome della casa di riposo, si parla da tempo di una prossima privatizzazione, per quanto non si debba dimenticare come già una volta questo iter abbia subito uno stop. Di recente, poi, il consiglio d'amministrazione uscente ha inviato in Comune e in Regione una relazione piuttosto allarmante della situazione economica dell'ente (LEGGI ARTICOLO), indicando come l'unica soluzione sia la privatizzazione.

Di tutt'altro avviso la Cgil, che indica, come priorità, quella di nominare nelle posizioni chiave di strutture di questo tipo non persone di scelta politica, ma amministratori capaci. Una questione, quindi, cruciale per i servizi di Badia e non solo. Tanto più che, a breve, si dovrebbe anche avere piena contezza della nuova legge regionale e delle opportunità che offrirà a quelle Ipab e case di riposo che scelgano di restare pubbliche.

E' in questo complesso quadro che si dovrà inserire il nuovo Cda, andando a decidere quale percorso imboccare.

7 settembre 2017
Tecnostore Occhiobello 468x60




Correlati:

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017