OSPEDALE TRECENTA (ROVIGO) Lo segnala il Comitato altopolesano dei cittadini per il San Luca. "E tre elevatori su quattro non sono utilizzabili"

"Ascensore cade di un piano col paziente da operare"

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017
Un disservizio segnalato dal comitato dal Comitato altopolesano dei cittadini per l'ospedale San Luca e sul quale prende posizione anche Guglielmo Brusco

Trecenta (Ro) - "Alta qualità di tecnologia al San Luca: 3 ascensori su 4 per trasporto letti con pazienti sono inutilizzabili. L'ultimo è precipitato per un piano con un paziente che doveva essere portato in sala operatoria.  Sopravviverà l'attività chirurgica? Ma dopo il referendum aggiusteranno senz'altro gli ascensori! Tranquilli". Ironia e amarezza, nell'intervento di Jenny Azzolini, che segue il comitato che si batte per il mantenimento dei servizi sanitari e dell'ospedale di Trecenta. 
 
"Se le dichiarazioni del Comitato Altopolesano - interviene Guglielmo Brusco, referente di sanità e sociale per Rifondazione Comunista -  l’unico soggetto ancora impegnato a difendere il San Luca, sono anche parzialmente vere, la situazione è molto grave. E il nostro sindaco cosa fa? Si sta riposando dopo le fatiche per le 3 notti a Trecenta? E le altre 362 notti, non contano niente? Il nostro ospedale sta peggio dei malati che vengono ricoverati e il nostro e gli altri sindaci sembrano non esistere per questo problema. Intanto  i cittadini di Melara e Bergantino  potranno con più certezza andare  a Legnago per il Pronto Soccorso. "

"Grazie al sindaco, al vicesindaco e agli altri di maggioranza che hanno contribuito a questa crisi ancor più grave del San Luca. E grazie alla gente che li ha votati e li voterà.... anche questi cittadini sono corresponsabili di quanto succede".
 
9 settembre 2017
Tecnostore Occhiobello 468x60




Correlati:

Musikè fondazione cariparo 730x90