CASO COIMPO ADRIA (ROVIGO) Ci sarebbe una seconda azienda, oltre a Demetra Fert, interessata a proseguire l'attività nel sito di Ca' Emo. Ma le incognite sono tante

E adesso spunta il pretendente misterioso

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe

Mano a mano che ci si avvicina alla data di venerdì 15 settembre, quando è convocato il tavolo tecnico per la bonifica (LEGGI ARTICOLO) si susseguono i colpi di scena, nella vicenda di Coimpo a ditta di Ca’ Emo nella quale le lavorazioni sono ferme, a seguito di una seconda inchiesta, relativa allo smaltimento di fanghi su terreni agricoli in Toscana (LEGGI ARTICOLO), che è andata ad aggiungersi a quella per le quattro morti del 22 settembre del 2014 , per cui ci si trova già a processo (LEGGI ARTICOLO). Attualmente il tema è quello della necessità di bonificare, nel senso di smaltire i rifiuti speciali fermi ormai da tempo (LEGGI ARTICOLO)


Adria (Ro) - Un altro pretendente per Coimpo. L'azienda di Ca' Emo che tratta rifiuti speciali e che è ferma da tempo. Se lunedì 11 settembre era tornata alla carica Demetra Fert, azienda che voleva prendere in affitto l'impianto, ma che si è scontrata col "no" della Provincia, per vari problemi (LEGGI ARTICOLO), martedì 12 settembre si scopre che ci sarebbe un'altra ditta, interessata a rilevare l'impianto e a riavviare la produzione, dopo avere rimosso i rifiuti oggi presenti.

Nomi ufficiali ancora non ce ne sono, ma la notizia rimbalza da più parti. Presto, però, per anticipare un eventuale epilogo della vicenda, dal momento che ci sono numerose incognite e numerosi sviluppi da attendere. Mercoledì 13 settembre, a Venezia, ci sarà l'udienza al Tar per la doppia impugnazione da parte di Coimpo di provvedimenti della Provincia. Il primo è la ordinanza del 31 maggio scorso, con la quale Palazzo Celio aveva imposto a Coimpo la pulizia dell'area dai rifiuti speciali ancora presenti. Coimpo ha chiesto di sospendere l'atto, in attesa di decidere sull'annullamento.

Il secondo è il diniego, della Provincia, alla richiesta di Demetra Fert di ottenere la volturazione della autorizzazioni ambientali rilasciate a Coimpo, che avrebbe dovuto affittare l'impianto alla società subentrante, per un periodo di sei anni. In questo caso, non avendo senso una richiesta di sospensiva, si è chiesto ai giudici di decidere immediatamente nel merito. Poi, il tavolo tecnico di venerdì 15 settembre, ad Adria, in mattinata, quando si parlerà della bonifica e del futuro del sito. Chiaro come, senza sapere cosa uscirà da questi due appuntamenti, sia difficile fare ipotesi riguardo al futuro.

 

 


 
12 settembre 2017
Bancadria 468x60




Correlati:

  • Dopo le minacce, indagini e solidarietà

    IL CASO ROVIGO Arriva anche Natalino Balasso a sostenere Cristina Caniato e Vanni Destro, destinatari di due lettere anonime. Dopo la presentazione ufficiale della denuncia, del caso si occuperà la polizia di Rovigo

  • Ancora vandali dei rifiuti a San Basilio

    DEGRADO ARIANO NEL POLESINE (ROVIGO) Copertoni abbandonati sull'argine vicino al ponte, rabbia in paese. Non è la prima volta che accade

  • La grande orchestra del Buzzolla in concerto 

    MUSICA ADRIA (ROVIGO) Sabato 25 novembre alle 21 la formazione di allievi e docenti del Conservatorio, diretta dal maestro Ambrogio De Palma, terrà il l’appuntamento inaugurale per l’anno accademico 2017/2018, al teatro Comunale 

  • Sporcano in pochi, ma pagano tutti

    RIFIUTI IN TRANSPOLESANA (ROVIGO) Il Comune di Badia Polesine ha dovuto di recente stanziare 2mila euro per la pulizia delle piazzole. Una incombenza che tocca anche ad altri Municipi

  • Altre famiglie senza i bidoni “personali”: “Dove conferiamo l’umido?"

    RIFIUTI ROVIGO Palestre, scuole e condomini senza bidoni e cassonetti a Granzette e Boara, cassonetti stracolmi a Sarzano: continuano le segnalazioni dei residenti delle frazioni sui disservizi dall’avvio della raccolta porta a porta

  • Anche in città arrivano gli addobbi

    NATALE ADRIA (ROVIGO) Affidato l’incarico di sistemare gli addobbi luminosi in città, per una spesa complessiva di 15mila euro. Se ne occuperà la ditta Elettrocostruzioni Rovigo

  • Ultimi ritocchi, poi i due velox

    STRADE ADRIA (ROVIGO) Il Comune impegna la somma necessaria a installare l’apparecchio fisso sulla Piovese. Prevista anche la sistemazione di un velobox

Fondazione Cariparo Nuove Generazioni