AMPLIAMENTO COMMERCIALE LA FATTORIA ROVIGO Il gruppo consiliare dei nove eletti della Lega Nord del Comune pronti a rinunciare al gettone di presenza della commissione d’inchiesta di cui hanno sottoscritto compatti la costituzione 

Il Carroccio non si fa intimorire dalla vecchia politica

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017

La Lega Nord che siede in consiglio comunale ha aderito compatta alla richiesta di commissione di inchiesta richiesta dal consigliere del gruppi Misto Alberto Borella (LEGGI ARTICOLO). Dopo la levata di scudi di alcuni componenti della maggioranza, come Renato Borgato e Giacomo Sguotti, che avrebbero cercato di gettare discredito sull’azione della richiesta di una commissione di indagine, ecco la replica argomentata dei leghisti, pronti a rinunciare al gettone di presenza e regalarlo a beneficio di progetti sociali per i rodigini bisognosi 



Rovigo - “Vergogna!”. Lo sdegno dei consiglieri comunali della Lega Nord si tocca con mano. “Operare nella legalità per rispettare le prescrizioni ed adeguarsi alle leggi, è nel Dna della politica della Lega Nord”. Lo sdegno è dettato dalle dichiarazioni di alcuni componenti di maggioranza, come Giacomo Sguotti e Renato Borgato, che avrebbero insinuato essere la commissione di inchiesta uno spreco di denaro e l’analisi dell’operato degli uffici una mancanza di fiducia. “Farsi domande e vigilare sull'operato degli uffici del Comune - prosegue la nota dei nove consiglieri eletti del Carroccio - non è un indice di mancanza di fiducia nei confronti dei dipendenti, ma anzi un dovere da parte della forza politica che guida ed amministra la città. Situazioni come il saldo dei lavori del Polo natatorio, il saldo del lodo arbitrale per le ex piscine Baldetti, l'ampliamento del supermercato Famila, la richiesta di ampliamento commerciale del centro La Fattoria, e chi più ne ha più ne metta, sono esempi lampanti di come, a posteriori, sia impossibile ricostruire il corretto svolgimento dei fatti”.

“Il tempo lasciato correre e l'inerzia sono stati il leitmotiv di uno stile di fare politica vecchio e che la Lega Nord contrasta. Intervenire subito attraverso una commissione d'inchiesta su un tema fondamentale per il Comune di Rovigo come il commercio è doveroso e giusto”.

La stoccata finale. “Sorprende che gli argomenti a sostegno della tesi che non serva una commissione, tra l'altro prevista da regolamento comunale, siano argomentazioni figlie della vecchia politica legata alla poltrona "se passa la commissione si va a casa" oppure una politica che strizza l'occhio al populismo dei costi "commissione inutile e costosa" facendo intendere che sarebbero gli stessi consiglieri della Lega Nord che vorrebbero regalarsi un vantaggio economico forti della loro posizione”. A dimostrazione che Sguotti e Borgato si sbagliano di grosso: “Il gruppo consiliare della Lega Nord, appena avrà avuto notizia della istituzione della commissione deciderà, insieme, se rinunciare al gettone di presenza, oppure se aprire un conto dedicato al finanziamento di micro progetti sociali a beneficio dei rodigini bisognosi che ne faranno richiesta”.

 

12 settembre 2017
Bancadria 468x60




Correlati:

Fondazione Cariparo Nuove Generazioni