CERIMONIA LENDINARA (ROVIGO) Prima la messa al Pilastrello e l'omaggio alla statua oggetto di devozione, poi la processione per le vie della città

Una corona per scacciare il ricordo dei predoni

Foto FRanco Fioravanti
Foto Franco Fioravanti
Foto Franco Fioravanti
Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017
Dopo il furto del 2016, messo a segno al santuario del Pilastrello di Lendinara (LEGGI ARTICOLO), si è svolta nel pomeriggio di domenica 17 dicembre la cerimonia di incoronazione della statua della Madonna, oggetto di devozione, che era stata completamente spogliata dai pregiati ex voto nel corso del furto. La messa, officiata dal vescovo Pierantonio Pavanello, è stata seguita dalla processione per le vie della città

Lendinara (Ro) - Adesso quel furto è finalmente dietro le spalle. La comunità di Lendinara è riuscita a voltare pagina dopo la cerimonia che ha portato centinaia di persone nella basilica del Pilastrello, dove, nel pomeriggio di domenica, il vescovo Pierantonio Pavanello ha incoronato la statua della Madonna, profanata dai ladri che avevano rubato gli ex voto nel dicembre scorso.

Nel corso del proprio discorso, il sindaco Luigi Viaro ha sottolineato l'importanza di restare comunità anche nei momenti più difficili. Tra il pubblico, autorità civili e militari e numerosissimi sindaci da tutto il Polesine, a testimonianza di quanto importante sia, come punto di riferimento, il santuario del Pilastrello. Dopo la messa,la processione per le vie della città.
18 settembre 2017




Correlati:

Bancadria 730x90 Cna Rovigo