EVENTI ROVIGO Da 13 al 15 ottobre il capoluogo e varie località del Polesine ospitano la rassegna Itacà che coinvolge una trentina di attori locali

Sarà il primo festival del Turismo responsabile

Fondazione Cariparo come presentare i bandi fino al 28 febbraio 2018

Un evento che debutta per la prima volta in Polesine, per promuovere una nuova maniera di fare turismo



Rovigo - Dal 13 al 15 ottobre Rovigo e varie località del Polesine ospitano "Itacà - Migranti e viaggiatori, Festival del turismo responsabile: un’occasione per per riscoprire il territorio da nuovi e inaspettati punti di vista".

Avviene, per la prima volta, nell’Anno internazionale del turismo sostenibile indetto dall’Onu. "Seguendo il modello già sperimentato in Emilia Romagna e Trentino - spiega la nota stampa - la prima edizione polesana del festival coinvolgerà più di 30 attori locali uniti nel proporre un programma ricco e articolato (mostre, iniziative in piazza, convegni e concorsi, visite guidate e itinerari in bicicletta, pranzi a Km 0, spettacoli) al fine di  promuovere anche in questo territorio una nuova idea di turismo, più etico e rispettoso dell'ambiente e di chi ci vive, sviluppando un'immagine unitaria del territorio in chiave di sostenibilità e responsabilità".

Nato a Bologna nove anni fa, il Festival è ora diffuso su tutto il territorio nazionale e vede coinvolti altri territori, tra i quali Padova, Ferrara, Ravenna, Rimini, Trentino, Reggio Emilia, Parma e Monferrato. A Rovigo il progetto è promosso da Associazione TeradaMar, Cospe onlus, Arci Solidarietà Veneto, Arci Padova in collaborazione con Fiab Rovigo, Liceo artistico C. Roccati, Provincia di Rovigo, Comune di Polesella, Gal Delta Po - Sviluppo locale Leader, Gal Adige, Consorzio di Bonifica Adige Po, Comune di Rovigo. Il progetto è sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo nell’ambito del Bando Culturalmente 2016.

Il festival ha inizio venerdì 13 ottobre alle ore 9.30 a Rovigo nella sala degli Arazzi di Palazzo Roncale con la conferenza di apertura "Turismo verde tra ruralità e sostenibilità" a cura di Gal Polesine Adige, Itacà, Università degli Studi di Ferrara. Un'occasione di confronto tra esperti e operatori del settore per approfondire le tematiche legate allo sviluppo sostenibile del territorio e le potenzialità che offre il turismo responsabile. 

10 ottobre 2017




Correlati:

  • Il sindaco: "La Procura indaga sulla zona industriale"

    AMBIENTE VILLADOSE (ROVIGO) L'annuncio nel corso del consiglio comunale, che aveva due punti all'ordine del giorno in tema. "Tutto partito da alcuni campionamenti. La Procura ha però imposto la massima riservatezza"

  • Formazione per gli animatori del litorale polesano a km 0

    TURISMO DELTA DEL PO ROVIGO Il gruppo Verde e blu ha organizzato dal 27 aprile all’1 maggio uno stage di animazione a Rosolina Mare per tutti quei ragazzi che vogliono entrare nel mondo del turismo balneare 

  • Con le guide volontarie sarà boom del turismo

    CULTURA BADIA POLESINE (ROVIGO) La città si prepara a diventare meta turistica, ma in un periodo di magrezza economica serve l’aiuto dei volontari. L’amministrazione cerca la collaborazione del territorio

  • La luce si spegne, la corsa si accende

    M'ILLUMINO DI MENO 2018 TAGLIO DI PO (ROVIGO) In occasione della giornata del risparmio energetico, organizzata una camminata o corsa di gruppo tra le vie del paese. A dare lo start, sarà lo spegnimento delle luci delle piazze

  • Caso Coimpo, una serata per parlarne

    INCONTRO AD ADRIA (ROVIGO) Il Movimento 5 Stelle organizza alla Casa delle associazioni un appuntamento per esaminare la situazione all'indomani dell'inchiesta

  • Acqua inquinata, stop all'uso irriguo dello scolo

    AMBIENTE LENDINRA (ROVIGO) Le analisi continuano a trovare problemi nello scolo San Rocco, nuova ordinanza del sindaco in attesa di arrivare alla sistemazione delle fognature

  • Il sindaco critica la sua ordinanza: "Ipocrita e inutile"

    IL CASO A ROVIGO Ha lasciato il segno la figuraccia delle domenica ecologiche e il primo cittadino sbotta: "Non servono a niente, possiamo farne 50mila sono, solo ipocrisia”. Nel 2017 ci sono stati 80 giorni di sforamento dei limiti 

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017