ANIMALI POLESINE (ROVIGO) Nell’area del Delta del Po sono stati avvistati dall’associazione Sagittaria tre specie: eremita, mignattaio e sacro

Delta del Po casa ideale per l’Ibis 

Ibis Mignattaio
Ibis eremita
Ibis sacro
Bagno e Calore - Caminetti e Stufe

Tre specie difficili da trovare nel Delta del Po stanno ritornando ad invadere le paludi del Polesine: si tratta degli ibis eremita, mignattaio e sacro che sono stati avvistati dall’associazione Sagittaria



Ariano nel Polesine (Ro) - In questi giorni ben tre specie di Ibis vengono segnalate nell’area del Delta del Po dall’associazione Sagittaria di Rovigo. Trattasi di uccelli acquatici di medie dimensioni, dotati di lunghe zampe e degli inconfondibili becchi ricurvi, adattamenti utili per le acque basse di valli e lagune.

La specie più rara è l’Ibis eremita (Geronticus eremita), di cui un esemplare sta sostando nella zona di Rivà di Ariano; è un animale che fa parte dei branchi liberati in Austria nell’ambito di un progetto europeo volto a far ritornare nel Mediterraneo questa specie quasi estinta in natura. Presenta da lontano una colorazione scura, ma da vicino il piumaggio appare iridescente. 

Sempre di passaggio in questi giorni anche l’Ibis Mignattaio (Plegadis falcinellus), un altro componente di questa famiglia che pone i nidi soprattutto nell’Europa dell’est; un tempo diffuso anche da noi (in dialetto chiamato “arcàsa”), sta rapidamente scomparendo, a causa dell’inquinamento e della modifica delle paludi d’acqua dolce. È color vinaccia con splendidi riflessi verde bottiglia. 

Da ultimo, l’Ibis sacro (Threskiornis aethiopicus) appare in forte espansione: di colore bianco e nero, è facilmente osservabile nei campi e nelle risaie, mentre cerca gamberi e pesciolini. È una specie introdotta dall’uomo, di origine africana, e considerata dannosa per le altre specie animali, in quanto suole cibarsi anche di uova e nidiacei. Per la prima volta nel 2016 la specie ha nidificato in Polesine. 

 

13 ottobre 2017
Bancadria 468x60




Correlati:

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017