CONSIGLIO COMUNALE ROVIGO Bocciata la mozione di Silvia Menon, contraria all’apertura della farmacia comunale nel centro commerciale. “Serve il trasporto a domicilio, non altri introiti alla grande distribuzione”

“Le priorità della maggioranza: La Fattoria non si tocca e Duò neanche”

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017

Non passa la mozione presentata dalla consigliera Silvia Menon che aveva l’intento di bloccare sul nascere l’idea dell’amministratore unico di Asm spa Alessandro Duò di aprire una farmacia comunale nel centro commerciale La Fattoria (LEGGI ARTICOLO). “La maggioranza dimostra ancora una volta le sue priorità: favorire il centro commerciale a discapito del centro storico e delle frazioni”



Rovigo – “La nostra mozione voleva impedire l’apertura di una farmacia comunale alla Fattoria. Ma è stata bocciata. Purtroppo i consiglieri di maggioranza ancora una volta ha fatto capire, con un voto palese, quali sono le loro priorità. Ieri con noi dell’opposizione ha votato solamente il consigliere Alberto Borella”. All’indomani di un consiglio comunale che ha visto la bocciatura della mozione presentata dalla consigliera di opposizione Silvia Menon, la stessa commenta amaramente la posizione della maggioranza di governo. E spiega ancora una volta il perché della sua mozione. 

“Una farmacia al centro commerciale ha due effetti principali – spiega Silvia Menon – Il primo sarebbe un beneficio a La Fattoria, un motivo in più per andare là a fare spese (e quindi una ulteriore mazzata al commercio di centro storico e quartieri). Il secondo effetto sarebbe un danno, più o meno marcato, alle farmacie del centro storico. Ma soprattutto a quelle delle frazioni (anche quelle comunali)”.

“Ed ecco che si spiegano le priorità di questa amministrazione. Non gli interessi dei residenti del centro. Meno ancora quelli di chi vive nelle frazioni. Ma guai a non dare un’occasione in più al grande centro commerciale di Borsea di aumentare i propri profitti. In queste scelte c’è la misura della coscienza politica di questa maggioranza, quella che sostiene il sindaco Massimo Bergamin. Votando sì alla nostra mozione avrebbero vietato all’amministratore unico di Asm spa, Alessandro Duò, di aprire una farmacia nel centro commerciale La Fattoria. Il discorso sarebbe stato chiuso prima ancora di qualsiasi progetto. E invece no, ora c’è il via libera alle intenzioni che Duò ha già esplicitamente espresso in consiglio comunale tempo fa”. 

“Quello che servirebbe invece alle famiglie, penso agli anziani soli che abitano le frazioni, sarebbe un servizio di trasporto a domicilio dei farmaci di cui hanno bisogno – incalza la consigliera – Soprattutto nelle frazioni dove la farmacia comunale non c'è. A questo tipo di investimenti deve badare un Comune. Non ‘pensarle tutte’ per agevolare un centro commerciale. Se proprio decidiamo di far aprire una farmacia ad Asm, dovremmo farlo in una frazione, come per esempio Concadirame. ‘Questa mozione non s'ha da votare’, ha concluso l'assessore Stefano Falconi. Non poteva essere più chiaro: La Fattoria non si tocca. E Duò neanche”.

28 ottobre 2017
Tecnostore Occhiobello 468x60




Correlati:

Fondazione Cariparo Nuove Generazioni