COMUNE CEREGNANO (ROVIGO) Nel paese guidato dal sindaco Ivan Dall'Ara continuano ad essere posizionati dei cartelli contro l’operato dell’amministrazione comunale 

La “vergogna”, seconda puntata 

Fondazione Cariparo Nuove Generazioni

Continua il tour di qualche cittadino infastidito dall’operato del sindaco Ivan Dall’Ara e della sua giunta: altri cartelli con la scritta “Vergogna” sono stati posizionati nella frazioni e territorio di Ceregnano 



Ceregnano (Ro) - Sembra che il sindaco Ivan Dall’Ara abbia ricevuto un bello scherzetto la notte di Halloween da parte di qualche cittadino non contento dell’operato della sua amministrazione. 

Nel giro di qualche giorno, la prima volta è acceduto nella notte tra venerdì 27 e sabato 28 ottobre (LEGGI ARTICOLO), si ritrova infatti per la seconda volta dei cartelli in alcuni punti delle frazioni o del centro in cui la parola principale è “Vergogna”. 

“Vergogna” per una serie di progetti non realizzato o comunque che non hanno esiti positivi o la mancanza dello sviluppo del territorio attraverso dei servizi per la cittadinanza. 

Questa volta i cartelli sono stati posizionati a Pezzoli davanti al Museo della Boje, “l’ennesima incompleta del Comune della felicità. Migliaia di euro per tre stanze vuote e infusibili”, a Lama Polesine in merito alla pista ciclopedonale, “in quasi sette anni, nessuna idea, nessun progetto e nessun interesse”, a Canale dove il cartello è stato messo sulle plance elettorali, “unico comune in Italia a tenerle 365 giorni all’anno”, o in piazza dove non c’è “nessun contributo alle associazioni che mantengono pulita questa piazza” ed infine al cimitero di Ceregnano con il cartello che recita: “serve almeno una telecamera per tutelare chi viene a trovare i suoi cari”. 

I cartelli issati sono rimasti visibili qualche ora, poi sono stati rimossi. Chissà se il cittadino ha altri cartelli già pronti per un terzo giro di attacchi contro l’amministrazione.

2 novembre 2017
Tecnostore Occhiobello 468x60




Correlati:

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017