COMUNE PORTO TOLLE (ROVIGO) L’assemblea del Partito democratico locale approva la ricandidatura per il secondo mandato dell’attuale sindaco alle amministrative del 2018

Il Pd compatto con Bellan e pronto a recuperare tutto il centrosinistra 

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017

Lo sviluppo del territorio è al centro del programma elettorale del sindaco Claudio Bellan che si ricandida per il secondo mandato alle amministrative del 2018 e che vede già il sostegno del Partito democratico locale che intende recuperare tutte le forze di centro sinistra del territorio



Porto Tolle (Ro) - Si respira già aria di elezioni amministrative nel comune basso polesano di Porto Tolle che vede già la riconferma alla ricandidatura dell’attuale sindaco Claudio Bellan. 

Lunedì 6 novembre si è riunita l’assemblea del Partito democratico di Porto Tolle per approvare la sua proposta di ricandidatura come previsto dallo statuto del Pd regionale per le designazioni a cariche istituzionali: nei comuni con più circoli, il potere di presentazione infatti spetta all’esecutivo comunale, mentre l’approvazione è del coordinamento comunale.

Nella riunione è stato esposto dal segretario comunale Massimino Zaninello, alla presenza del segretario provinciale Giuseppe Traniello Gradassi, del sindaco e di 22 membri del coordinamento, eletti dal Congresso, un importante documento e poi deliberata la proposta per il secondo mandato di Bellan, così da iniziare al più presto un percorso da condivisione raccogliendo pareri, esigenze e suggerimenti dal territorio in una fase d’ascolto.

In questa riunione è uscita la compattezza dell’intero organo comunale e provinciale di recuperare tutte le forze di centro sinistra del territorio, - spiega Zaninello - congiuntamente alla volontà di coinvolgere tutti gli iscritti e simpatizzanti in maniera trasparente e chiara. Questo concetto è molto importante per creare nei futuri contatti la rassicurazione di un sindaco di Partito e di una lista civica in grado di fare scelte vicine al Pd. L’impegno del sindaco ha ottenuto un elogio tale da intravvedere, una consona continuazione del percorso di sviluppo per le attività in programma e di quelle che potranno prospettarsi nella prossima legislatura con una forte identità del Centro Sinistra e un efficace coinvolgimento di tutto il Partito, di tutte le sue migliori energie e competenze nell'azione di governo del territorio, aperto anche alle sensibilità con le quali sono maturate esperienze di governo locale”.

“Il Pd sente la responsabilità delle scelte dello sviluppo socio economico del comune e nello stesso tempo dei temi importanti su cui i cittadini attendono la nostra opinione. - continua Zaninello - Ci sono riconosciute capacità e abbiamo un momento governante favorevole, dove si sono messi a disposizione importanti esponenti del Pd nazionale, regionale, provinciale; per questo che sentiamo un obbligo di conduzione più marcato rispetto a qualsiasi altro gruppo politico”.

La stesura del programma elettorale, per i prossimi cinque anni, sarà il primo compito e Zaninello sostiene come “dovrà trovarci tutti attori, compresi i cittadini, inserendo le strategie di crescita per rilanciare il nostro Comune, cogliendo, nei prossimi mesi, idee e suggerimenti dal territorio tramite incontri nelle frazioni, con le attività produttive, le associazioni così da ambire a un manifesto elettorale di eccellenza, da affidare ai futuri amministratori”.

“I principi ispiratori dovranno essere afferrati soprattutto dalle nuove generazioni, che intendono investire il loro futuro dove sono nati e vivono, proponendo con fermezza soluzioni per l’ occupazione giovanile. - conclude - Per questo vanno sicuramente affrontati i temi di portata nazionale che insistono a Porto Tolle come riqualificazione dell’ex centrale di Polesine Camerini e monitorato il progetto collegato Futur-E, Parco, Pesca, concentrandosi sulla progressione del turismo, e sensibilizzandoci sul sociale e sul lavoro”.

9 novembre 2017




Correlati:

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe