POLIZIA ROVIGO Si è presentato all'ufficio immigrazione della questura, ma il pregresso è stato scoperto e il marocchino di 48 anni è finito in carcere

Espulso per droga, prova a fare il furbo: arrestato

Fondazione Cariparo Nuove Generazioni
Si è presentato agli uffici della questura di Rovigo, come un immigrato qualunque dotato dei requisiti per richiedere il permesso di soggiorno. Peccato che, alle spalle, avesse un pregresso che gli è fruttato l'arresto: in Liguria, era stato espulso, come misura alternativa alla detenzione, col divieto di rimettere piede in Italia per dieci anni. Non lo ha rispettato e, per questo, è stato arrestato

Rovigo - Arrestato, per essere rientrato in Italia ben prima del termine di 10 anni che avrebbe dovuto attendere, dopo che era stato espulso per reati in tema di droga. Questo il provvedimento fatto scattare a carico di un cittadino marocchino di 48 anni che, secondo questa ricostruzione dei fatti, nella mattinata di giovedì 9 novembre si era presentato agli uffici della questura, per avviare le pratiche finalizzate al rilascio del permesso di soggiorno.

Dalle verifiche, svolte col solito rigore dal personale della polizia di Stato, sarebbe però emerso che il 48enne, davvero, non avrebbe dovuto trovarsi lì. Questo perché era stato destinatario di un provvedimento di espulsione, emesso in Liguria, a causa della contestata commissione di reati in tema di stupefacenti. In luogo dell'espiazione della pena corrispondente, aveva scelto l'espulsione, che prevede anche il divieto di tornare in Italia per dieci anni.

Da qui l'arresto.
10 novembre 2017
Bancadria 468x60




Correlati:

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017