CINEMA ADRIA (ROVIGO) Lo afferma una mozione di Impegno per il Bene Comune e SiamoAdria, che domanda al Comune di non perdere questa opportunità

"Ci sono finanziamenti per riaprire il Politeama"

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017

Si torna a parlare del Cinema Politeama di Adria, sul quale il sindaco Massimo Barbujani ha di recente esplicitato un progetto di farlo diventare comunale (LEGGI ARTICOLO), dopo la chiusura scattata lo scorso giugno (LEGGI ARTICOLO)



Adria (Ro) - Una mozione che dovrebbe dare sostegno al cinema teatro comunale Politeama di Adria, per favorirne la riapertura, quella presentata da Impegno per il Bene Comune e SiamoAdria, liste rappresentate in consiglio comunale ad Adria. Una mozione incentrata su un dato estremamente importante: la nuova normativa di settore metterebbe a disposizione finanziamenti importanti per gli imprenditori intenzionati a dare vitalità al settore.

"Il sindaco - recita la mozione - sia in consiglio comunale che attraverso gli organi di stampa ha prospettato come soluzione alla chiusura del cinema teatro Politeama, un futuribile, quanto improbabile, scambio immobiliare con proprietà comunali. La precedente gestione ha dovuto cessare l attività, in seguito alla scadenza del contratto che non è stato rinnovato. Le proposte avanzate dal sindaco ci sembrano non realizzabili nell’immediato futuro e poco concrete".

"Il cinema teatro Politeama ha avuto, soprattutto negli ultimi anni - prosegue la nota - una fruizione sociale e culturale fondamentale per la cittadinanza. Impegno per il bene Comune e SiamoAdria chiedono al consiglio comunale di impegnare il sindaco e la delegata alla cultura Mara Bellettato ad attivare uno sbocco definitivo delle trattative tra il Comune e la proprietà tramite una compartecipazione economica e di gestione tra comune-gestore e/o enti vari, al fine di assicurare una programmazione culturale per il territorio e delle entrate al futuro gestore che gli permettano di mantenere l’attività fondamentale per la cittadinanza".

Inoltre, con la medesima mozione viene domandato, sempre ai medesimi interlocutori, di tenere presente la nuova normativa di legge 'Cinema e audiovisivo' del ministro Franceschini, che mette a disposizione consistenti finanziamenti e investimenti per il cinema e fa preciso riferimento alle sale cinematografiche chiuse o dismesse, dando così una nuova prospettiva sia per la proprietà, che il futuro gestore, al fine di affrontare i costi di manutenzione ed eventuali arricchimenti del servizio attualmente disponibile".

11 novembre 2017
Tecnostore Occhiobello 468x60




Correlati:

Fondazione Cariparo Nuove Generazioni