VOLONTARIATO ROVIGO Chiamati alle urne per eleggere i componenti del direttivo gli iscritti alle 162 associazioni socie di Polesine Solidale, che gestisce il Centro servizi per il volontariato

E' il momento di scegliere i campioni della solidarietà

Bancadria 730x90 esclusiva

Una chiamata alle urne importante, quella in vista di sabato 18 novembre, quando si dovrà scegliere il Consiglio direttivo che guiderà l'attività del Centro servizi per il volontariato, una presenza fondamentale per il settore in Polesine. Sono 12 i candidati



Rovigo - E' tempo di rinnovo delle cariche per l'associazione Polesine solidale che gestisce il Centro servizi volontariato e rappresenta le organizzazioni di volontariato della provincia di Rovigo.

Si vota sabato 18 novembre, dalle 9 alle 12 nella sede di viale Tre Martiri, 67/F a Rovigo. Sono 12 i rappresentanti delle associazioni che hanno presentato la propria candidatura, in rappresentanza di altrettante associazioni.

Concorrono per il Consiglio direttivo Paolo Antonini dell'associazione Volontari Protezione Civile Altopolesine di Castelmassa, Massimiliano Antonioli dell'Avis di Castelmassa (attualmente in carica come tesoriere), Gabriele Bellesia dell'associazione “Danilo Ruzza” (oggi vicepresidente), Giancarlo Brandolese dell'associazione Gli amici di Elena di Rovigo, Lamberto Cavallari della Croce Verde di Adria (attuale presidente), Otello Corrain dell'associazione Agorà di Gavello, Francesco Ennio dell'Associazione genitori di Rovigo, Eva Grandi dell'associazione Renzo Barbujani di Rovigo, Marinella Mantovani dell'Auser Volontariato Polesine, Roberta Paesante della Fidas Polesana, Leonardo Peretto del Gruppo Famiglie Aperte all’Accoglienza e Carlo Pipinato dell'associazione Parkinson Rovigo & Amici.

"I dodici candidati - spiega la nota del Csv - rappresentano l'intero territorio, dall'Alto al Bassopolesine, ed i principali settori di intervento del volontariato: sociale, sanità, protezione civile e cultura. Alle elezioni voteranno le 162 associazioni di volontariato socie di Polesine Solidale, che potranno esprimere fino a tre preferenze. I candidati che otterranno il maggior numero di voti entreranno a far parte del Consiglio direttivo, composto da sette membri e in carica per tre anni. Sarà il direttivo, poi, ad eleggere al suo interno presidente, vicepresidente e tesoriere".

 

"Il nuovo consiglio - spiega il presidente Cavallari - dovrà affrontare la sfida della riforma del Terzo settore che impone importanti cambiamenti ed innovazioni alle Associazioni ma anche ai Centri di Servizio per il volontariato. Il primo problema da affrontare sarà la garanzia del mantenimento piuttosto che l’aggregazione prevista dalla nuova normativa”.

L'attuale direttivo, oltre a Cavallari, Bellesia (vicepresidente) e Antonioli (tesoriere), è composto da Tiziano Descrovi dell'Aido provinciale, Tiziano Fontan dell'Auser provinciale, Giacomo Gasparetto di Arcisolidarietà ed Eva Grandi dell'associazione Barbujani, recentemente subentrata a Giorgia Businaro (Legambiente).

15 novembre 2017




Correlati:

Fondazione Cariparo Nuove Generazioni