RUGBY ECCELLENZA Joe McDonnell annuncia che presto diventerà padre, Leonardo Mantelli si gode l’ottimo momento di forma, il presidente della FemiCz Rovigo, Francesco Zambelli, si presenta con al collo la sciarpa delle Posse rossoblù

Giornata dalle emozioni forti al Battaglini

FemiCz Rovigo - Calvisano: Leonardo Mantelli alza le braccia al cielo, questa vittoria è anche sua
FemiCz Rovigo - Calvisano: Per Odiete la miglior partita giocata in rossoblù, eppure era in forse fino all'ultimo
FemiCz Rovigo - Calvisano: Samuele Ortis man of the match
FemiCz Rovigo - Calvisano: Anche Umberto Casellato si è fatto trascinare nella bolgia del Battaglini
FemiCz Rovigo - Calvisano: Samuele Ortis premiato da Marzio Innocenti e Francesco Zambelli
FemiCz Rovigo - Calvisano: Il fisio Iginio Bagatello abbraccia Leo Mantelli
FemiCz Rovigo - Calvisano: La gioia di Joe McDonnell
FemiCz Rovigo - Calvisano: Leonardo Mantelli
FemiCz Rovigo - Calvisano: Leonardo Mantelli impeccabile dalla piazzola
FemiCz Rovigo - Calvisano: Cavalieri
FemiCz Rovigo - Calvisano: De Marchi, Ortis e McDonnell
FemiCz Rovigo - Calvisano: Massimo Cioffi
FemiCz Rovigo - Calvisano: Questa è stata la vittoria del pack, assolutamente straripante
FemiCz Rovigo - Calvisano
FemiCz Rovigo - Calvisano
FemiCz Rovigo - Calvisano
FemiCz Rovigo - Calvisano
Joe McDonnell ed Umberto Casellato
Elezioni Diego Crivellari 730x90 Alternanza

Francesco Zambelli: “Oggi lo sognavo questo risultato, lo so che è difficile ottenere quello che si desidera tanto, ma stavolta è successo, e c’è sì maggiore soddisfazione”.  Leonardo Mantelli: “Non voglio dare la colpa a nessuno, è solo mia. Dovevo solo prendere fiducia e le cose sono andate per il meglio”. Joe McDonnell: “Ora una settimana di riposo, potrò stare con la mia fidanzata, attendiamo un bambino”

Leggi la cronaca di FemiCz Rovigo - Calvisano
Leggi le interviste a Brunello e Bettarello


Rovigo - Ormai gli aggettivi per descrivere lo strapotere del pack rossoblù sono finiti, ma domenica 19 novembre contro il Calvisano ci preme segnalare la migliore prestazione di David Odiete da quando è in rossoblù, e la continua crescita di Leonardo Mantelli. Su entrambi qualcuno aveva sollevato delle perplessità, il primo ha dominato le fasi aeree vincendo tutti i duelli con i bresciani, il secondo ha dimostrato di essere maturo, di prendersi delle responsabilità gigantesche. Batte i campioni d’Italia non è cosa da tutti i giorni, soprattutto se nella passata stagione la FemiCz Rovigo le ha prese di brutto sia in campionato, che in Continental Shield. 

Da quando Jason Wright è stato sollevato dall’incarico tutta la responsabilità della mediana è ricaduta sul giovane toscano (Davies è stato schierato unicamente come primo centro), e già prima che arrivasse Umberto Casellato aveva preso fiducia nei propri mezzi. Portato a Rovigo da Pippo Frati, abituato a fare il secondo di Luciano Rodriguez, ha aspettato il suo momento “Sto giocando bene, i risultati si vedono - commenta Leo Mantelli - non voglio dare la colpa a nessuno, è solo mia. Dovevo solo prendere fiducia e le cose sono andate per il meglio, ma la strada è lunga, siamo a meno di metà del percorso. Oggi era una tappa importante, dovevamo vincere per confermarci per far vedere che siamo cresciuti. Adesso ci riposiamo una settimana, poi riprendiamo con Firenze”.

Raggiante è dire poco, il patron della FemiCz Rovigo, Francesco Zambelli, accompagnato dal presidente del comitato Veneto, Marzio Innocenti, per la premiazione del man of the match Samuele Ortis, si presenta sul prato del Battaglini con la sciarpa delle Posse rossoblù al collo. 

“E’ stato emozionante - esclama Zambelli - sono contentissimo. Noi siamo un po’ troppo corretti in campo in certe occasioni, subiamo e se l‘arbitro non interpreta bene qualcosa sono guai. I nostri hanno giocato con cuore e testa, hanno tenuto a bada anche i muscoli dei giocatori del Calvisano. Oggi lo sognavo questo risultato, lo so che è difficile ottenere quello che si desidera tanto, ma stavolta è successo, e c’è sì maggiore soddisfazione. Loro hanno una sicuramente modalità di attacco molto aggressiva, però noi con Muccignat e Parker stavolta li abbiamo tenuti a bada fino alla fine. Abbiamo capito quest’anno che loro scorrazzano sempre nell’ultimo quarto, invece stavolta abbiamo patito in particolar modo solo la meta del primo tempo. Mi spiace per Odiete che ha tentato due volte di partire velocemente, ha fatto la sua migliore partita sino ad oggi con due placcaggi eccezionali e dei movimenti validi e produttivi. Segnare con loro si sapeva purtroppo che sarebbe stato difficile perché il Calvisano è arcigno, è allenato bene e mastodontico, ha tutte le carte in regola. Complimenti anche a loro perché ci è mancato poco che la vincessero. Noi abbiamo vinto all’ultima azione anche se è stata prolungata, ma bene così. Per questo pubblico bene così. Un’emozione in più”.

Soddisfatto, sorridente, ma con moderazione. Il tecnico neozelandese conosce bene le dinamiche del Battaglini, vincere è l’unica cosa che conta, ma l’ex All Blacks un annuncio importante. “Ora una settimana di riposo, potrò stare con la mia fidanzata, attendiamo un bambino”. Il lieto evento è previsto per marzo. Tornando al match ovviamente una analisi va fatta, perchè lo score finale non è tutto “Sono molto felice per il risultato – afferma l’head coach rossoblù Joe McDonnell alla fine della partita – ma è importante che anche nelle vittorie si sia consapevoli dei propri errori: oggi abbiamo peccato nella disciplina e in rimessa laterale, dove Calvisano ci ha messo molto in difficoltà con Cavalieri. Faccio i complimenti ai nostri avversari, è stata una partita dura e anche loro meritavano di vincere ma la differenza l’ha fatta la mischia: siamo stati bravi a creare con il pack le opportunità per finalizzare, ci abbiamo creduto fino alla fine. Abbiamo vinto ma dobbiamo continuare a lavorare, dopo la settimana di riposo ci aspettano I Medicei, una sfida delicata soprattutto mentalmente. Dobbiamo tenere i piedi ben saldi per terra e pensare alla prossima grande sfida a Firenze dove troveremo atleti che conosciamo bene come Lubian, Maran, Basson, McCann, Montauriol”.

Giorgio Achilli

 

 

19 novembre 2017




Correlati:

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017