SCUOLA CASTELNOVO BARIANO (ROVIGO) Incontro tra tutti coloro che, dal 1967 a oggi, sono stati insigniti della borsa di studio a Giuliano Daccordi

I premiati di mezzo secolo si ritrovano

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017

Sarà una occasione importante per tutto il paese, la cerimonia nel corso della quale saranno ricordati tutti gli studenti che hanno superato, dal 1967 a oggi, la scuola media con una valutazione ottimale



Castelnovo Bariano (Ro) - Il sindaco Massimo Biancardi e l'assessore delegato alla Cultura Elio Franceschetti informano la cittadinanza che l'amministrazione comunale e il comitato borsa di studio Giuliano Daccordi hanno previsto per sabato 16 dicembre alle 17 al teatro Indipendenza un evento per onorare pubblicamente il 50° dell'istituzione della borsa di studio intitolata a Giuliano Daccordi

"Abbiamo già mandato per posta un centinaio di inviti a tutti quei ragazzi e ragazze che dal 1967 ad oggi sono stati borsisti nel nome di Giuliano Daccordi - spiega il sindaco -Tanti sono adulti ed abitano pure lontano per cui il sabato permette a chi abita lontano di venire da noi e di rientrare a casa la domenica. Sarà un  bell'amarcord nel nostro Indipendenza appena restaurato. Presenterà l'evento il medico scrittore Marco Bottoni,  collaudato showman, ci sarà un rinfresco a cura della Pro Loco e ad ogni borsista verrà consegnato un attestato d'onore, il cui logo è stato ideato dal liceo artistico Bruno Munari di Castelmassa".

Giuliano Daccordi morì solo 14enne in un tragico incidente stradale quasi all'ora di pranzo lunedì 26 agosto 1967 (c'era la fiera di San Rocco), all'incrocio urbano fra le vie Spinea e Matteotti. Aveva appena terminato la terza media con il massimo dei voti e si era già iscritto al liceo scientifico di Ostiglia. Ragazzo ricco di doti umane, conosciuto ed apprezzato, lasciò un vuoto incolmabile nella mamma Edna Vallicelli, nel papà Oberdan, nel fratello minore Enrico e nell'intera comunità castelnovese.

Subito si formò un comitato civico che, d'intesa con la famiglia e l'amministrazione comunale, in breve raccolse 50 milioni di lire di allora per una borsa di studio annuale onde onorare Giuliano Daccordi, "ragazzo bravo e ricco di qualità umane, un esempio che tutti i giovani dovrebbero seguire". Il riconoscimento è sempre andato a chi ha superato presso la Salvatore Quasimodo l'esame di terza media con una valutazione complessiva ottimale, oltre un centinaio dal 1967 ad oggi.

19 novembre 2017




Correlati:

Bancadria 730x90 esclusiva