LA PROPOSTA ADRIA (ROVIGO) Impegno per il bene comune chiede all’amministrazione di presentare una proposta per ottenere questo riconoscimento che porterebbe finanziamenti. C’è tempo fino alla fine del mese

“Per valorizzare il centro dobbiamo diventare un Distretto del commercio”

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017
Una opportunità per valorizzare il centro storico di Adria: Impegno per il bene comune invita l’amministrazione comunale a partecipare al riconoscimento dei distretti del commercio. Una possibilità che permetterebbe l’arrivo di finanziamenti importanti

Adria (Ro) - “Dobbiamo cercare di farci riconoscere come distretto del commercio in quanto i bandi regionali poi saranno solo per i distretti riconosciuti. I Comuni vicini che hanno aderito hanno visto un riconoscimento in termini di fondi nel 2015 e 2016. In prima linea ci sono già le associazioni di categoria Ascom e Confesercenti con cui si potrebbe aprire un confronto costruttivo. E' un treno da non perdere nell'ottica di aiutare una valorizzazione del centro storico”. Impegno per il bene comune chiede all’amministrazione comunale di saltare sul treno del riconoscimento dei Distretti del commercio. Il termine è vicino, ma proporsi non costa nulla. Anche perché porterebbe, come sostiene Ibc, finanziamenti importanti per la valorizzazione del centro storico.

“Con la recente Dgr n.1531 del 25 settembre, sviluppo economico e all’energia 2017, sono stati definiti i criteri e le modalità per il riconoscimento dei Distretti del commercio introdotti dalla Legge Regionale 50/2012. In fase di prima applicazione il termine per la presentazione delle proposte di individuazione dei Distretti per l’anno 2018, è fissato al giorno 30 novembre 2017 - spiega Ibc - I Distretti del commercio costituiscono, nel Veneto, una delle principali espressioni di politica attiva a sostegno del settore commercio nell’ambito dei centri storici e urbani”. 

“Sono definiti sul piano normativo come ambiti territoriali di rilevanza comunale o intercomunale, nei quali i cittadini e le imprese, liberamente aggregati, qualificano le attività commerciali come fattore di innovazione, integrazione e valorizzazione delle risorse di cui dispone il territorio per rigenerare il tessuto urbano, rivitalizzandone la centralità, sviluppando idee a sostegno del commercio, anche attraverso idonee forme di attrattività del distretto. Ma anche per promuovere un’interazione tra i cittadini, imprese e pubblica amministrazione nelle scelte strategiche del distretto oltre che per svolgere un’azione di alto profilo qualitativo che si uniforma agli indirizzi già diffusi in ambito europeo e nazionale, nell’ottica della prospettazione delle così dette ‘Smart Cities’. E ancora, per valorizzare la qualità del territorio con azioni innovative di politica attiva, adatte al contesto economico e sociale del distretto”. 
19 novembre 2017




Correlati:

Fondazione Cariparo Nuove Generazioni