EVENTI ROVIGO, ADRIA E BADIA Il 25 novembre 24 ore dedicate a contrastare con iniziative, tavole rotonde, banchetti e riflessioni la “guerra” contro il gentil sesso. Si parte con la mostra “L’amore malato” di Gino Tonello

Il bollettino di guerra quotidiano contro le donne, la giornata per dire ‘basta'

Bancadria 730x90 esclusiva

Mostre, incontri, eventi. Il Comune di Rovigo aderisce alla Giornata internazionale contro la violenza sulle donne con una serie di iniziative che coinvolgono due assessorati: quello alla Cultura e quello alle Pari opportunità. Obiettivo sensibilizzare l'opinione pubblica affinché questo terribile fenomeno venga portato alla luce e possa essere sconfitto



Rovigo – “E' un tema molto importante per questo abbiamo pensato di unire più forze per realizzare eventi, anche particolari, come la mostra del pittore Gino Tonello, che sarà ospitata nelle sale polivalenti del Museo Grandi Fiumi. Le sue opere presentano e denunciano questo fenomeno con immagini di forte impatto, che speriamo non lascino nessuno indifferente. Ringraziamo l'autore per aver pensato di portare i suoi lavori al Museo”. Sono le parole dell’assessore alla cultura Alessandra Sguotti che introduce la serie di iniziative proposte per la giornata internazionale contro la violenza sulle donne, che si celebra il 25 novembre.

“Le violenze riportate dai media sono ormai un bollettino di guerra quotidiano – spiega l’artista di fama internazionale Gino Tonello, autore dei quadri della mostra che sarà esposta al Museo dei Grandi Fiumi, dal titolo L’amore Malato – Ma non se ne parla mai abbastanza. Ecco perché nei miei quadri mi concentro sugli occhi e sulla bocca delle figure che rappresento. Occhi e bocche cucite, rammendate come fossero strappi, lacerazioni che purtroppo troppo spesso chi subisce non racconta”.

“Non ci sono parole per definire questo tipo di problema – commenta l’assessore Patrizia Borile, raccontando un’altra iniziative promossa dal Comune per la giornata contro la violenza sulle donne – In stretta collaborazione con il Centro antiviolenza del Polesine e con il Comitato di pilotaggio, stiamo portando avanti dei progetti nelle scuole. L'avvio è l'incontro organizzato il 25 novembre, che si terrà al Roccati. Riteniamo fondamentale partire dai giovani per arrivare ad un futuro migliore e di maggiore consapevolezza”. Giuseppina Dall'Aglio, insegnante del Roccati, ha portato il saluto della preside Pastorelli. “La formazione integrale della persona è il nostro obiettivo”.

Il Comitato di pilotaggio, come ha spiegato la presidente Maria Grazia Avezzù, è l'organismo che ha il compito di sovrintendere all'attività del Centro antiviolenza del Polesine e della casa Rifugio. “Abbiamo apprezzato - ha sottolineato Avezzù – la scelta fatta di rivolgersi ai giovani in un progetto di sensibilizzazione e prevenzione, facendo in modo che siano protagonisti e non soggetti passivi”.

Oltre alla mostra e all’iniziativa a scuola, il Centro antiviolenza del Polesine presenzierà al banchetto organizzato dalla Coop Adriatica per la raccolta fondi per sostenere i Centri antiviolenza con i prodotti a marchio Coop, nelle giornate del 24-25-26 novembre 2017. Inoltre il Centro Antiviolenza aderisce ad altre iniziative nei comuni limitrofi.  

Innanzitutto aderirà a “La Guerra dei sessi: violenza e sottomissione”, un incontro organizzato da Cif Adria in collaborazione con il Centro Antiviolenza del Polesine, alla sala Cordella, corso Vittorio Emanuele II Adria, il 24 novembre alle ore 17.30. Parteciperà la presidente del Comitato di pilotaggio del Centro Antiviolenza del Polesine Maria Grazia Avezzù. Appuntamento poi con “Quello che le donne non dicono”: l’Andos e il Comune di Castelguglielmo, in collaborazione con il Centro Antiviolenza del Polesine, organizza un evento il 25 novembre, alle ore 18 nel teatro parrocchiale di Castelguglielmo. 

Infine, “Storia di uno stupro nella Badia del '600”: il Comune di Badia Polesine e la biblioteca Bronziero, in collaborazione con il Centro Antiviolenza di Rovigo, organizza un incontro presso la sala “Soffiantini” nella Abbazia della Vangadizza, il 26 novembre alle ore 16.30.

 

22 novembre 2017




Correlati:

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017