VACCINI ROVIGO Sono i primi dati relativi all'applicazione della normativa che prevede l'obbligo vaccinale per i bambini dagli zero ai sei anni

Niente vaccino, niente asilo per dieci

Fondazione Cariparo Nuove Generazioni

La legge è chiara, ma la confusione è tanta: i vaccini previsti come obbligatori sono condizione tassativa per accedere ad asili e scuole dell'infanzia. Oggetto di un braccio di ferro, nelle settimane scorse, tra Regione e Stato, alla fine è stata la prima a cedere



Rovigo - Sono una decina, a livello provinciale, i bambini le cui famiglie si sono sentite comunicare la esclusione da asili e scuole dell'infanzia, a seguito del mancato assolvimento dell'obbligo vaccinale. La normativa, infatti, appare chiara e univoca, per quanto concerne i bimbi con questa fascia d'età. Diverso il discorso per gli studenti di elementari, medie e superiori, dove il mancato assolvimento dell'obbligo vaccinale non costituisce conditio sine qua non per l'iscrizione, ma comporta comunque una multa a carico delle famiglie.

La normativa è stata oggetto di un feroce scontro tra Stato e Regione, con la seconda che, a pochi giorni dall'inizio delle scuole, aveva deciso di varare una moratoria che spostasse in avanti l'inizio dell'obbligo. Immediata la reazione del Governo, che si era detto pronto a uno scontro legale. A quel punto, il presidente della Regione Luca Zaia aveva fatto un passo indietro.

22 novembre 2017




Correlati:

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe