AMBIENTE ED ECONOMIA PORTO TOLLE (ROVIGO) Sul prospettato insediamento di tre allevamenti, da tre milioni di polli, prende posizione il Consorzio cooperative pescatori del Polesine

"I polli non devono danneggiare i molluschi"

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe

Si parla ormai da settimane del progetto di insediamento di allevamenti di Polli a Polesine Camerini per un totale di due milioni di capi e oltre (LEGGI ARTICOLO). Interviene, con pacatezza ma anche indicando alcuni paletti molto chiari, anche il Consorzio cooperative pescatori del Polesine


Porto Tolle (Ro) - "La controversa questione del possibile insediamento di alcuni allevamenti intensivi avicoli nel comune di Porto Tolle sta, in questo ultimo periodo, divenendo sempre più pressante e accesa". Ne prende atto anche il Consorzio cooperative pescatori del Polesine, che interviene sul tema.

"Il Consorzio Cooperative Pescatori del Polesine - spiega la nota - azienda leader italiana nell'allevamento di molluschi, vuole manifestare la propria preoccupazione sul progetto proposto, non conoscendo nel dettaglio cosa si sia pensato di realizzare. Nessun giudizio può essere preso a priori, non avendo elementi specifici sulla portata del programma esecutivo di tali opere, ma la questione riteniamo debba essere discussa e presa in seria considerazione".

"La nostra azienda ha da sempre puntato, nella propria strategia produttiva e commerciale, sulla valorizzazione della qualità, sulla sostenibilità ambientale, sulla salubrità e sicurezza alimentare. Questo sforzo continuo e oneroso ha dato, in questi ultimi anni, grandi risultati e riconoscimenti indiscussi come l' ottenimento della Dop Cozza di Scardovari, le certificazioni di prodotto biologico per i mitili e le vongole veraci allevate dai nostri associati".

"Va da sé che nuovi insediamenti zootecnici intensivi di grandi dimensioni, quali quelli ipotizzati nel nostro Comune, destano preoccupazione ed allarme, soprattutto se correlati con eventuali emergenze sanitarie, non rare nel settore avicolo, che potrebbero sorgere e interessare tutto il nostro territorio".

"Sviluppare le produzioni di alta qualità, garantire l'assenza di rischi sanitari, generare produzioni ecocompatibili, sono gli obiettivi imprescindibili per il nostro comparto che devono essere sempre più valorizzati e difesi.

Per quanto sopra sollecitiamo un confronto con tutte le parti interessate per discutere in maniera leale e costruttiva la questione in oggetto, senza strumentalizzazioni, auspicando che non siano ancora state prese decisioni definitive in merito. Nell'ambito della discussione sarà fondamentale tener conto delle peculiarità delle nostre produzioni e del nostro ambiente, nonché della enorme importanza occupazionale ed economica che la pesca e la molluschicoltura ricoprono nel nostro Delta".

 

 

24 novembre 2017




Correlati:

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017