SALUTE ROVIGO Due assegnati all’ospedale hub di Rovigo, due all’ospedale di Adria e uno all’ospedale di Trecenta: ottimo il riconoscimento ottenuto dall’osservatorio nazionale sulla salute della donna

L’Ulss 5 Polesana ottiene cinque bollini rosa

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe

Il Polesine ottiene 5 bollini rosa, un riconoscimento prestigioso che arriva dall’Osservatorio Nazionale Salute della Donna e che premia le realtà ospedaliere a misura del gentil sesso



Rovigo – “L’attenzione alla medicina di genere, all’accoglienza della donna in ogni sua fase della vita, la presenza di strutture adeguate, di professionisti preparati ci hanno fatto raggiungere questo risultato che giudico molto buono”. Così il direttore generale dell’azienda Ulss 5 Antonio Compostella esprime la sua soddisfazione per il prestigioso riconoscimento.Anche l’azienda Ulss 5 Polesana, insomma, ha trionfato a Roma, durante la cerimonia di assegnazioni dei bollini rosa dell’osservatorio ministeriale Onda.

Una valutazione seria e accurata che ha giudicato i servizi ospedalieri di Rovigo, Adria e Trecenta  meritevoli di cinque bollini rosa. Il Bollino Rosa è un riconoscimento nazionale che viene concesso dall’osservatorio nazionale sulla salute della donna, dopo regolare accettazione dell’iscrizione al bando annuale, agli ospedali che in Italia offrono servizi d’eccellenza dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali patologie femminili.  

La direzione generale dell’Ulss 5, ha coinvolto le unità operative “rosa” dei tre ospedali, partecipando al percorso di accreditamento passo dopo passo. “I Bollini Rosa offrono l’immagine vera dei nostri servizi offerti dagli ospedali, attenti alla salute femminile – spiega Compostella – da qui si parte con attenzione ancora maggiore per favorire la crescita della ‘prospettiva di genere’, da leggere come una maggiore organizzazione, una diversa specificità delle cure ospedaliere declinate al femminile.

“Gli ospedali premiati entrano a far parte del Network Bollini Rosa, potendo così partecipare a eventi e iniziative organizzati con l’obiettivo di sensibilizzare la popolazione sull’importanza della diagnosi precoce e dell’appropriatezza delle cure, condividendo informazioni ed esperienze tra le strutture del Network, per un continuo miglioramento dei servizi offerti alle donne Polesane”, conclude il direttore generale. Il direttore sanitario Edgardo Contato aggiunge“Abbiamo un livello di cure molto alto per la prevenzione e la cura dell’universo femminile,  i bollini rosa  sono la migliore attestazione della bontà di scelte fatte per raggiungere capillarmente le donne, i loro bisogni. Miglioreremo ancora di più affinché, i nostri ospedali rientrino nelle eccellenze per la salute della donna”. 

In veneto sono 35 i bollini insigniti, cifra record mai raggiunta negli anni, al secondo posto nazionale dietro la Lombardia, strutture rosa, che l’Osservatorio Nazionale Salute Donna (Onda) ha individuato come strutture sanitarie particolarmente attente alla salute della donna nel bando effettuato per il biennio 2018-2019. Gli ospedali veneti premiati sono in tutte e sette le province della regione. Tre di loro hanno ottenuto un bollino; 20 due bollini; e ben 12 tre bollini, il massimo della valutazione. L’azienda Ulss 5 ha ottenuto un bollino all’ospedale San Luca, due bollini all’ospedale hub Santa Maria della misericordia di Rovigo, due all’ospedale Santa Maria degli Angeli di Adria. “Onda è un Osservatorio che non fa sconti – ha commentato il Presidente della Regione Luca Zaia – e se una buona metà dei nostri ospedali ha ottenuto il riconoscimento, e 35 su 306 premiati significa più del 10% di tutta Italia, significa davvero che si è fatto, e si continuerà a fare, un gran lavoro, caratterizzato da attenzione umana ai problemi di salute della donna e da capacità scientifiche e professionali messe al suo servizio”.

6 dicembre 2017




Correlati:

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017