COLDIRETTI ROVIGO Alessandro Faccioli di Impresapesca chiede aiuto alla Regione Veneto per intervenire a ripristinare gli impianti di coltivazione dei miticoltori del Delta del Po 

Maltempo, a rischio la produzione di cozze del prossimo anno

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017

Danni ingenti agli impianti a mare di cozze con il maltempo di novembre tanto che si rischia di compromettere la produzione di cozze del prossimo anno. E’ per questo che Coldiretti Impresapesca ha chiesto aiuto alla Regione, affinché intervenga stanziando risorse utili a rispristinare gli impianti in tempi brevi, tali da consentire la ripresa delle attività produttive



Rovigo - A rischio la produzione di cozze del Delta del Po. Questo il risultato dell’eccezionale maltempo con bora, registrata dall’Arpav a Porto Tolle, con raffiche 34,4 m/s, che si è abbattuto su tutto il Delta del Po in particolare tra il 13 ed il 15 novembre scorsi. 

“La situazione per i mitilicoltori è grave – spiega Alessandro Faccioli, referente regionale di Coldiretti Impresapesca – tanto che rischia di compromettere la produzione di cozze del prossimo anno”. Sono ingenti i danni che in questi giorni sono in fase di quantificazione da parte di esperti dell’Università di Ferrara, la cui perizia sarà poi depositata ed inviata anche alla Regione. 

“Le cozze del Delta del Po rappresentano un prodotto di eccellenza che non possiamo permetterci di perdere – sottolinea Faccioli – per questo motivo abbiamo chiesto aiuto alla Regione, affinché intervenga stanziando risorse utili a rispristinare gli impianti in tempi brevi, tali da consentire la ripresa delle attività produttive”. Si tratta di una situazione particolarmente critica, tanto che la stima dei danni è potuta iniziare solo in un secondo momento, quando le condizioni metereologiche hanno consentito l’uscita a mare delle imbarcazioni asservite ed è ancora in corso. “Come Coldiretti Impresapesca – conclude Alessandro Faccioli – siamo intervenuti non appena abbiamo appreso la criticità della situazione, tanto che abbiamo chiesto aiuto ancora prima della stima dei danni, essendo evidente agli occhi dei miticoltori che si tratta purtroppo di una situazione molto grave”

7 dicembre 2017




Correlati:

Fondazione Cariparo Nuove Generazioni