IL FILM BASSOPOLESINE ROVIGO Domenica 17 dicembre prendono il via le riprese del lungometraggio del Tpo, col regista Ferdinando De Laurentis

Ciak si gira. Nella magia del Delta

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento

Un fllm molto particolare, nel quale svolge una parte importante l'ambientazione, in Bassopolesine. Il Tpo di Occhiobello comincia le riprese domenica 17 dicembre



Occhiobello (Ro) - Mentre sta proseguendo la post produzione del film “L’isola (coma profondo)” girato la scorsa estate ad Albarella, domenica 17 dicembre il Tpo di Occhiobello, con l’inserimento dei nuovi allievi che hanno iniziato i corsi ad ottobre, inizierà le riprese del nuovo lungometraggio tratto dal libro di Sergio Gnudi intitolato “Sensazioni”.

La giornata inizierà alle foci dell’Adige e in mattinata si girerà sulla spiaggia e in valle Venier. Nel primo pomeriggio la troupe si sposterà a Loreo e poi a Rivà e a San Basilio di Ariano Polesine, prima di giungere alle prime ore di buio ad Adria, dove sono previste delle riprese a musicisti di strada in alcuni angoli suggestivi del centro.  “È un film particolare – dice il regista Ferdinando De Laurentis – in quanto occorre raccogliere delle immagini in diversi momenti dell’anno. Domenica coglieremo i colori dell’inverno nel Bassopolesine”.

La trama. Due anziani coniugi sono agli ultimi giorni di vita e lei decide di mostrare al marito 10 mucchietti di fotografie che, in qualche modo, gli faranno rivivere 10 sensazioni. Al centro vi sono le sensazioni che poi sono l'essenza stessa della vita. La poesia se non è sensazione che altro è? Le dieci sensazioni dell'opera sono legate da una storia che ha un "preludio", un "intermezzo" e un "epilogo", come nel libro dove Gnudi è il creatore delle parole e della costruzione finale dell'opera, e la fotografa Cinzia Orsatti ha prodotto le fotografie di nove delle dieci sensazioni e Nadia Mastellaro le fotografie di uno dei dieci brani.

I protagonisti principali saranno Marino Bellini e Bernadette Masarati, la coppia adulta, mentre Nicolò D’Angelo e Paola Mardegan saranno la coppia giovane. Ovviamente, accanto a loro, ci sarà, com’è ormai abitudine, un folto gruppo di persone, tra cui Giacomo Battaglia, Francesca D’Arienzo, Tiziana Orsi, Valentina Chinaglia, Silvia Panzani, Sebastiano Torelli, Federico Ghiraldello, Giovanni Benini, Asia Munerato, Martina Pippa, Carolina Maiocchi, Pina Scotto, Simonetta Rovere, Pablo Ayala, Greta Zarano, Elisa Marini, Rosaria Montini, Elisa Bacchiega, Sabrina Zoppellaro, Francesco Pocaterra, Tania Montorio e molti altri si uniranno durante il prosieguo del lavoro che terminerà nell’aprile 2018, in quanto il film prevede numerosi piccoli ruoli e cammei interpretati molti polesani che hanno deciso e decideranno di sposare questo nuovo progetto. Le musiche saranno di Guido Frezzato, la fotografia di Giulio Pola e Bieffe Promotion di Lendinara collaborerà con i suoi droni e la professionalità di Pierluigi Begossi e Riccardo Fozzato.

"È un film, questo - spiega la presentazione - totalmente diverso dai precedenti, in quanto scava maggiormente nell’interiorità dell’uomo, nei sentimenti e nelle relazioni interpersonali, dove l’ambiente diventa determinante per sottolineare stati d’animo e sensazioni. C’è un rapporto tra tre generazioni diverse, non facile, in un ambiente oltremodo apparentemente isolato dai centri di potere. L’amore dei due anziani coinvolge quanto il paesaggio descritto, tanto bello e suggestivo quanto un po’ imbalsamato. Il film prevede poche parole, ma importanti, quanto il conflitto generazionale tra genitori biologici e non e figli. 

“Leggendo il libro di Sergio Gnudi - dice De Laurentis - ho intravisto una storia in cui ci si riconosce un po’ tutti, perché in fondo è vero che siamo fatti di sensazioni. Sarà una bella sfida”.

13 dicembre 2017
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Animazione estiva Baseball Camp 2018