ISTRUZIONE ROVIGO I presidenti delle sezioni provinciali della Fism lanciano l'allarme: 50 milioni euro in meno alle scuole dell'infanzia paritarie che ospitano, in Veneto, il 65% dei piccoli dai 3 ai 6 anni

Taglio del Governo alle scuole paritarie. Comincia la protesta

Bancadria 730x90 Cna Rovigo

"Per il Governo le scuole dell’infanzia paritarie sono un bene comune...da spremere", la Fism denuncia il taglio alle scuole paritarie e promette proteste e manifestazioni anche in Polesine



Rovigo - "A nulla sono valse le sollecitazioni e il richiamo che abbiamo rivolto nei giorni scorsi, in particolare al Governo, affinché non fossero 'tagliati' 50 milioni di euro alle scuole dell’infanzia paritarie italiane nella Legge di Bilancio 2018", è solo l'inizio di un comunicato a firma del presidente della Federazione Italiana Scuole Materne Veneto e Fism Venezia, Stefano Cecchin e dei presidenti delle Fism provinciali Igor Burlon(Belluno), Ugo Lessio (Padova), Nicola Morini (Rovigo), Francesco Trivellato (Treviso), Ugo Brentegani (Verona) e Milena Baghin (Vicenza). Un comunicato che denuncia lo sconforto della Federazione in merito a quello che ritengono, di fatto, l'abbandono delle scuole dell'infanzia paritarie da parte del Governo.

"Avevamo segnalato la imprescindibile necessità che il finanziamento, già previsto nella finanziaria 2017, fosse riproposto anche in quella 2018 per motivi di equità sociale (il confronto con i bambini che sono accolti gratuitamente nelle scuole materne statali) e per evitare nuovi aumenti di rette assicurando una dignitosa sopravvivenza alle scuole paritarie, prezioso patrimonio delle nostre comunità", spiegano i presidenti della Federazione.

 

"La Fism e le 81mila famiglie del Veneto che, insieme alle oltre 500mila famiglie italiane, portano i loro bambini alle scuole dell’infanzia paritarie devono prendere atto con dispiacere e preoccupazione che la volontà politica, nonostante le belle parole, va in altra direzione punendo un settore che contribuisce significativamente al sistema pubblico dell’istruzione, accogliendo il 40% dei bambini scolarizzati dai 3 ai 6 anni (in Veneto la percentuale sale al 65% cioè 2 bambini su 3) e facendo risparmiare allo Stato qualche miliardo di euro l’anno".

"È un segnale davvero preoccupante quello che è venuto dalla Politica in questa occasione perché maturato in un penoso 'ricatto' di priorità di spesa pubblica. Numerosi parlamentari avevano accolto questa giusta istanza e avevano presentato emendamenti purtroppo bocciati. Condividiamo la dura e puntuale presa di posizione della onorevole Simonetta Rubinato che si è vista respingere il suo". Rubinato che ha commentato: "È un grave errore del Governo e della maggioranza che in questa legge di Bilancio siano state del tutto ignorate le esigenze delle scuole dell'infanzia paritarie, che poi sono le esigenze di centinaia di migliaia di famiglie, visto che accolgono 582mila bambini dai tre ai sei anni. Credo non ci sia coerenza nel sostenere, da un lato, con la riforma della Buona Scuola, la finalità dell'ampliamento dell’offerta formativa nel segmento 0-6 anni, per incrementare i servizi alle famiglie o ridurne il costo a loro carico, se poi rispetto alla legge di Bilancio 2017 i fondi per le scuole materne paritarie sono ridotti nel disegno di legge di governo nel 2018 di oltre 50 milioni di euro".

"In questo sconfortante quadro nazionale si inserisce la previsione di un ulteriore riduzione dei contributi che la giunta regionale del Veneto ha previsto nel pdl di bilancio 2018, in discussione in consiglio regionale, per le scuole dell’infanzia paritarie e per i nidi - continua la Fism - Da 42 milioni stanziati nel 2015, si è passati a 36 milioni nel 2016, a 33,5 nel 2017 e a 31 previsti per il 2018. Chiediamo con forza una maggiore attenzione che si dovrebbe tradurre nello stanziamento di almeno 36 milioni per salvaguardare l’originale e virtuoso 'modello veneto' dei servizi socio educativi 0-6 anni (scuole dell’infanzia e nidi), diffuso capillarmente sul territorio regionale, gestiti in prevalenza da parrocchie, associazioni, enti morali. In estrema sintesi il taglio dei 50 milioni dei contributi statali e quello che si profila di ulteriori 2,5 milioni (2018 rispetto al 2017) dei contributi della Regione, ricadranno sui bilanci delle scuole dell’infanzia paritarie per circa 15 euro al mese per bambino".  

"La Fism del Veneto, a fronte di questa pesante situazione, ha deciso di mobilitare tutte le scuole informando le famiglie sui tagli certi e previsti, le cui conseguenze potranno ricadere, purtroppo e ancora una volta, su di loro con obbligati adeguamenti delle rette. In particolare alle prossime iscrizioni dell’anno scolastico 2018-2019 (dal 16 gennaio al 6 febbraio 2018) consegneremo una apposita informativa, proponendo ai gestori, ai comitati di gestione, alle famiglie e alle Comunità locali, iniziative pubbliche di dissenso e di protesta per una politica miope lesiva del principio di equità sociale affinché cessi questa intollerabile annosa situazione".

 

23 dicembre 2017




Correlati:

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe