FRAZIONI ROVIGO Il consigliere comunale Mattia Milan evidenzia alcune problematiche rilevate dai cittadini in merito al servizio di raccolta porta a porta  

“Ecoambiente non ha dato i bidoni a tutti”. Disagi ed inconvenienti

Bancadria 730x90 Cna Rovigo

Non tutte le case e le strutture sociali, religiose o sportive, nonostante siano interessate dal nuovo servizio di raccolta porta a porta di Ecoambiente, sono state dotate dei bidoni. Inoltre nelle frazioni manca la presenza di un cestino dove poter conferire le deiezioni dei cani. Queste le problematiche sollevate dal consigliere Mattia Milan dopo aver ascoltato i cittadini di Rovigo in merito al nuovo servizio di raccolta 



Rovigo - “La raccolta porta a porta è partita nelle frazioni (a parte Borsea) ma bussa veramente alla porta di tutti? O Ecoambiente ha dimenticato qualcuno? Sto parlando di associazioni, parrocchie ad esempio. Qualcosa forse non sta funzionando”.

Questa è la prima di una serie di segnalazioni che Mattia Milan, consigliere comunale della lista civica Menon, ha raccolto in riferimento al nuovo servizio di raccolta dei rifiuti porta a porta cominciato a novembre, per la quale prossimamente preparerà un’interrogazione indirizzata all’assessore competente. 

“A quanto mi risulta, esistono casistiche non trattate ed associazioni che hanno già segnalato il problema al quale però non è stata data risposta. Ad esempio le strutture parrocchiali di Grignano sono a tutti gli effetti appartenenti alle zone raggiunte dalla raccolta “porta a porta”, ma non hanno avuto i bidoni. Come strutture parliamo anche del campo sportivo, che di rifiuti ne produce analogamente ad una civile abitazione se non qualcosa di più. Come a Grignano, ci sono altri impianti nelle frazioni del comune di Rovigo: sono stati muniti dei bidoni per la differenziata? Si tratta di associazioni che pagano regolarmente la tassa sui rifiuti e dal momento che sono stati rimossi i bidoni dalle strade, l’unica è portare la spazzatura altrove, a Rovigo e probabilmente senza differenziarla. E’ assurdo. Questi soggetti Ecoambiente pensa di trattarli come attività commerciali o residenze?”.

E ancora Milan fa presente che ci sono abitazioni che, alla distribuzione dei cassonetti, non li hanno ricevuti e tutt’ora ne sono sprovvisti. “Per cui oltre a non pagare la tassa sui rifiuti, probabilmente li portano a Rovigo e dintorni o peggio, li lasciano sul ciglio delle strade. Pensiamo di monitorare il fenomeno e colmare questa lacuna nel pagamento di un tributo dovuto? E’ una questione di equità” sottolinea.

“Infine avete pensato a chi porta a passeggio il proprio cane per le strade delle frazioni? Ci sono cittadini corretti che raccolgono le delazioni dei propri animali ma si trovano nell’impossibilità di poterli cestinare. Alcuni cittadini si portano il “sacchettino” a casa, ma altri lo gettano a lato delle strade o nelle posizioni dove prima vi erano i bidoni. E’ necessario trovare una soluzione e rimuovere tutti i bidoni in modo indistinto, ha creato dei disagi ad alcune casistiche quotidiane”.

29 dicembre 2017




Correlati:

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe